A causa di un errore di battitura 10 volte meno tasse sulle criptovalute in India

Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2022

Immagina che la tassa sulle criptovalute sia già intorno al 30% e che tu debba pagare l’1% per ogni transazione in criptovaluta. In India, questa è la realtà dal 1° luglio, ma non del tutto. La prima settimana di luglio c’è stato un errore di battitura sul sito web del Dipartimento delle Imposte sul Reddito.

Tassa elevata sulle criptovalute

Nei Paesi Bassi siamo fortunati per quanto riguarda le tasse sulle criptovalute. Qui paghiamo solo una frazione di quello che pagano gli investitori in India. In India la situazione è la seguente:

A partire dal 1° aprile, verrà applicata un’imposta del 30% sulle criptovalute (e sugli NFT). Si tratta di un’imposta che viene detratta dalle transazioni redditizie. Puoi definirla ridicola, perché questa tassa del 30% è addirittura superiore a quella sulle scommesse, sul gioco d’azzardo e sulle lotterie. Quest’ultima è tassata “solo” al 28%.

Anche dopo una tempesta di critiche, il paese non ha deciso di annullare questa tassa. Anzi, è stato aggiunto un altro 1%. Non viene applicata sulle transazioni redditizie, ma su tutte le transazioni.

Ritenuta alla fonte

Quest’ultimo 1% di imposta su tutte le transazioni è chiamato Imposta dedotta alla fonte (TDS). Quindi, per ogni transazione che effettui, l’1% viene versato al fisco e su tutti i profitti che ne ricavi, viene pagato un altro 30%. Sì, davvero.

L’aliquota TDS dell’1% è stata temporaneamente modificata in 0,1%, ma da allora è stata rettificata, come ha riferito mercoledì il Dipartimento delle Imposte sul Reddito. Si tratta solo di un decimo del TDS effettivo.

Sentimenti contrastanti

Se si intende tassare le criptovalute in modo così pesante, è logico che ci saranno delle resistenze. Quando l’India ha annunciato queste tasse a febbraio, gli investitori erano sia felici che arrabbiati.

Da un lato, un mercato delle criptovalute regolamentato garantisce che le criptovalute non vengano vietate così facilmente. Ma dall’altro lato, il 30% di tasse sui profitti è di proporzioni gigantesche. A questo va aggiunto l’1% in più.

Author

error: Alert: Content is protected !!