Binance è un hub per hacker, truffatori e spacciatori, miliardi di criptovalute sottratti

Ultimo aggiornamento: 7 Giugno 2022

Binance è stato utilizzato per sottrarre 2,35 miliardi di dollari in criptovalute rubate. È quanto riporta l’agenzia di stampa Reuters in un ampio articolo. Secondo i ricercatori, anche il gruppo di hacker nordcoreani Lazarus ha utilizzato il più grande exchange di bitcoin al mondo.

Binance hub per attività illegali?

Nel settembre 2020, gli hacker del gruppo nordcoreano Lazarus hanno rubato circa 5,4 milioni di dollari di criptovalute dal piccolo exchange slovacco Eterbase, compresi alcuni bitcoin. Queste criptovalute sono state inviate a indirizzi di Binance.

Utilizzando indirizzi e-mail criptati, gli hacker hanno aperto decine di conti anonimi su questa borsa gestita da Changpeng Zhao, una delle persone più ricche del mondo. La rimozione delle tracce digitali si è rivelata un successo, in quanto le criptovalute rubate non sono mai state ritrovate. I proventi sarebbero stati utilizzati per finanziare in parte il programma di armamento nucleare della Corea del Nord.

Secondo la Reuters, il caso si inserisce in un quadro più ampio in cui Binance funge da centro di smistamento per hacker, truffatori e bande di narcotrafficanti. Binance è stata utilizzata per sottrarre 2,35 miliardi di dollari in criptovalute tra il 2017 e il 2021. Transazioni che sono state collegate da governi e agenzie investigative a gruppi di hacker, bande di droga e altri criminali.

Uno dei gruppi più noti che hanno utilizzato l’exchange è il gruppo Lazarus, un temuto collettivo di hacker della Corea del Nord che è all’origine di numerosi hack nel mondo delle criptovalute. Tra l’altro, il governo statunitense ha sanzionato il gruppo per aver condotto attacchi informatici contro l’Occidente. Sono anche associati al recente hack della sidechain Ronin di Axie Infinity, in cui sarebbero stati rubati 600 milioni di dollari. Secondo i ricercatori di Chainalysis, Lazarus è riuscito a saccheggiare circa 1,75 miliardi di dollari in criptovalute entro il 2020.

Binance afferma di collaborare proattivamente con ogni richiesta di indagine. Riferendosi all’hack di Eterbase, dice anche di aver “pienamente collaborato con le richieste ricevute dalle autorità slovacche”.

Requisiti di identificazione

Non è che l’exchange sia stato completamente inattivo. Essendo il più grande exchange sul mercato dei bitcoin, non possono più nascondersi dietro politiche poco chiare.

Binance afferma di aver inasprito i requisiti di identificazione sulla propria piattaforma di trading nell’estate del 2021. Le ricerche della società di analisi Crystal Blockchain mostrano che il flusso di fondi illegali è diminuito drasticamente. Tuttavia, non è chiaro quale sia la politica di Binance quando un cliente perde le proprie monete. Ad esempio, è necessaria una richiesta di indagine ufficiale e i clienti danneggiati devono firmare un accordo di riservatezza.

Nel 2019, la stessa borsa è stata vittima di un hack in cui sono stati rubati 40 milioni di dollari. A quanto si sa, le persone colpite sono state risarcite da un pool assicurativo di Binance. All’inizio del 2022, la borsa ha annunciato che avrebbe istituito un fondo assicurativo di 1 miliardo di dollari per coprire eventuali danni.

All’inizio di quest’anno, la Reuters ha presentato delle accuse contro Binance. L’exchange avrebbe condiviso i dati personali dei clienti russi con il governo russo. Per Binance si trattava di una “sciocchezza pertinente”. Binance non ha (ancora) una registrazione nei Paesi Bassi, ma ha licenze in Francia e in Italia.

Bloomberg riporta che anche l’autorità di regolamentazione americana SEC ha avviato un’indagine sul token BNB di Binance dal 2017, con la domanda chiave se possa essere classificato come un titolo.

Author

  • Ivan came across the topic of cryptocurrencies in early 2016 and, as an author and enthusiast, has been intensively involved with the topics of cryptocurrencies, blockchain and STOs ever since.

error: Alert: Content is protected !!