Binance ignora le sanzioni all’Iran

Ultimo aggiornamento: 12 Luglio 2022

Secondo la Reuters, Binance ha servito clienti iraniani nonostante il Paese fosse nell’elenco delle sanzioni e la borsa di criptovalute non fosse autorizzata a operare in quel Paese. Un indirizzo e-mail e una VPN erano sufficienti per continuare a fare trading.

Sanzioni

Nel 2018, sotto Trump, sono state nuovamente introdotte sanzioni contro l’Iran. Di conseguenza, le società di criptovaluta che operavano anche negli Stati Uniti non potevano servire anche i clienti in Iran. Nel novembre dello stesso anno, Binance ha notificato agli utenti iraniani le sanzioni e ha indicato loro di cancellare i loro conti e ritirare la criptovaluta.

Reuters ha parlato con sette trader che hanno continuato a operare e sono stati in grado di farlo fino a settembre 2021. In quel periodo, Binance è diventata più severa nell’applicazione delle norme antiriciclaggio, ma fino ad allora un indirizzo e-mail era sufficiente per iniziare a fare trading.

“C’erano alternative, ma non erano buone come Binance”, dice Asal Alizade, un trader di Teheran che dice di aver avuto un conto Binance fino a settembre 2021. “Non c’era la verifica dell’identità, quindi abbiamo usato tutto”.

Binance lo sapeva

All’interno di Binance, l’utilizzo da parte dei clienti iraniani era noto. Il personale senior scherzava sulla crescente popolarità di Binance tra gli iraniani. Sul blog della società, il tono era molto diverso. A marzo, un post sul blog affermava che Binance “segue rigorosamente le regole delle sanzioni internazionali” e che aveva convocato una “task force di conformità globale” “che comprendeva esperti di fama mondiale in materia di sanzioni e applicazione delle norme”.

Secondo gli avvocati, la divisione in Binance.US e Binance protegge principalmente la società dalle sanzioni statunitensi. Ma esistono anche le cosiddette “sanzioni secondarie” che impediscono alle società straniere di fare affari negli Stati Uniti. Binance, ad esempio, non avrebbe più accesso al sistema finanziario americano.

L’Exchange già non gode di una buona reputazione per quanto riguarda la conformità.

VPN

Un modo per aggirare le sanzioni è quello di utilizzare una VPN per mascherare la posizione dell’indirizzo IP. Se per la ricerca dei clienti è sufficiente un indirizzo e-mail, gli utenti provenienti dall’Iran, ma anche dalla Corea del Nord, ad esempio, possono fare trading  su Binance in modo semplice. L’exchange ha pubblicato un articolo con le istruzioni per l’utilizzo delle VPN nel 2020.

Author

  • Ivan came across the topic of cryptocurrencies in early 2016 and, as an author and enthusiast, has been intensively involved with the topics of cryptocurrencies, blockchain and STOs ever since.

error: Alert: Content is protected !!