Coinbase impone ulteriori requisiti ai cittadini olandesi per i prelievi di bitcoin

Ultimo aggiornamento: 27 Giugno 2022

I clienti olandesi di Coinbase dovranno rispettare ulteriori requisiti a partire dal 27 giugno. In un’e-mail inviata ai clienti olandesi, Coinbase ne spiega il motivo.

Il provvedimento riguarda in particolare le transazioni in uscita. State inviando Bitcoin al vostro indirizzo al di fuori del crypto exchange? Allora dovete fornire anche un indirizzo fisico, un nome e la causale della transazione. La società americana fa riferimento alle normative olandesi come motivo di questa decisione.

Naturalmente, anche i requisiti standard di identificazione rimangono in vigore. Come piccolo bonus, Coinbase ha anche indicato che monitorerà più a lungo le transazioni provenienti dalla sua piattaforma. I flussi di denaro sulla rete Bitcoin sono pubblici. Coinbase tiene sotto controllo il denaro anche dopo la transazione dalla piattaforma. Anche in questo caso, si tratta di norme locali e internazionali.

Tabella dei contenuti mostra

Sorveglianza

A partire dal 1° aprile, canadesi, giapponesi e singaporiani dovranno condividere informazioni aggiuntive quando inviano transazioni a un’altra piattaforma da Coinbase. Ciò significa semplicemente che diventerà più difficile inviare bitcoin da Coinbase a un’altra (piattaforma). Dovrete rendere conto della vostra transazione.

Gli investitori di Singapore e Giappone devono condividere informazioni aggiuntive su tutte le transazioni in uscita. In Canada è previsto un limite di 1.000 dollari canadesi (circa 800 dollari USA). I canadesi al di sotto di questo importo non rientrano nelle nuove regole.

La schermata qui sotto mostra come funziona. Quando si vuole inviare una transazione da Coinbase, i canadesi devono inserire il nome completo e l’indirizzo di residenza del destinatario (!). Inserire dati falsi in questa sede vi rende soggetti fraudolenti all’interno della piattaforma.

Questo vale anche per le transazioni verso i propri portafogli.

Author

  • I first came into contact with Bitcoin in 2017 - and since then, the topic of cryptocurrencies has never left me. For this reason, I have also made BTC & Co. part of my profession and write as a freelance author for crypto publications.

error: Alert: Content is protected !!