Donna americana voleva pagare sicario con bitcoin

Ultimo aggiornamento: 2 Agosto 2022

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha condannato Jessica Leeann Sledge. Un nome sconosciuto, ma pur sempre una persona che ha molto da fare. La donna di Pelahatchie (Mississippi) riceverà una condanna a dieci anni di carcere perché voleva assoldare un assassino usando bitcoin.

Assassino

Sledge è stata condannata al massimo della pena prevista dalla legge, 120 mesi di carcere, per aver “utilizzato ‘strutture commerciali interstatali’ per commettere un omicidio su commissione”. È quanto scrive l’avvocato Darren J. LaMarca.

Secondo il dossier, Sledge ha cercato di contattare un sicario online tra il settembre 2021 e il novembre 2021. Ha inviato pagamenti in bitcoin all’uomo per tre volte. L’importo totale era di 10.000 dollari.

Tuttavia, a insaputa di Sledge, il “sicario” era un agente sotto copertura. La donna era quindi indirettamente e inconsapevolmente in contatto con un agente.

La donna è stata arrestata nel novembre dello scorso anno. Oltre alla condanna a dieci anni di carcere, Sledge è stata multata di 1.000 dollari. Sarà inoltre sottoposta a sorveglianza per tre anni dal momento del rilascio.

I pagamenti in bitcoin (per un totale di 10.000 dollari) sono stati effettuati quando la più grande criptovaluta costava circa 55.000 dollari. Oggi il pagamento vale ancora circa 5.800 dollari (se le forze dell’ordine non l’hanno venduta loro stesse).

Privacy?

Sembrava una mossa conveniente: un pagamento in bitcoin che nessuno può fermare. In genere, il bitcoin è visto come un metodo di pagamento rispettoso della privacy.

Tuttavia, tutti i pagamenti sono memorizzati per sempre nella blockchain, quindi qualsiasi errore futuro potrebbe essere fatale. I flussi di denaro possono essere analizzati e anche le commistioni non sembrano essere a prova di bomba. Per inciso, un pagamento lampo offre un tipo di privacy completamente diverso, grazie alla struttura a cipolla della rete.

In questo caso, la privacy non è affatto importante: la controparte è un agente stesso.

error: Alert: Content is protected !!