Elon Musk: Tesla ha venduto il 75% delle riserve di bitcoin

Ultimo aggiornamento: 21 Luglio 2022

Un anno dopo che Tesla ha acquistato bitcoin per 1,5 miliardi di dollari con grande clamore, l’azienda automobilistica di Elon Musk ha già venduto il 75% di queste monete.

Tesla vende il 75% delle riserve di bitcoin

L’interesse di Tesla per il bitcoin è stato a lungo considerato da molti come un’inutile distrazione e un ripensamento dell’azienda. Ma quando un grave blocco di produzione in Cina ha costretto Tesla a chiudere la sua fabbrica di Shanghai entro 22 giorni, è stata fin troppo felice di vedere il bitcoin così liquido. In men che non si dica, Tesla ha venduto il 75% dei suoi bitcoin per rimpinguare le sue riserve di denaro.

Elon Musk ha condiviso quanto segue durante la conferenza stampa di ieri:

“Il motivo per cui abbiamo venduto parte delle nostre partecipazioni in bitcoin è che non eravamo sicuri di quando le restrizioni in Cina si sarebbero attenuate, quindi era importante per noi massimizzare la nostra posizione di cassa”.

Nessun giudizio sul bitcoin

Nonostante Musk abbia venduto bitcoin, afferma che questo non comporta un deprezzamento del BTC:

“Questo non deve essere interpretato come un giudizio sul bitcoin. È semplicemente che eravamo preoccupati per la liquidità complessiva dell’azienda”.

Il tempo ci dirà se è sincero o se lo dice solo per mantenere la sua popolarità tra i bitcoiners.

Prezzo del bitcoin sfavorevole per Tesla

Nel primo trimestre del 2021, i bitcoin di Tesla avevano un valore massimo di 2,48 miliardi di dollari (secondo la stessa Tesla). Alla fine del 2021, il valore era di circa 2 miliardi di dollari. Purtroppo, l’azienda non ha condiviso il prezzo medio di vendita dei bitcoin, né è chiaro quanto Tesla ci abbia perso.

Ciò che è chiaro è che il prezzo dei bitcoin all’inizio dell’anno era di quasi 48 mila dollari e che al momento in cui scriviamo il valore è circa la metà.

L’analista Brian Johnson di Barclays ha stimato all’inizio di questa settimana che Tesla avrebbe perso 460 milioni di dollari se avesse effettivamente venduto i suoi bitcoin.

Il bitcoin è uno spettacolo secondario

Musk ha dichiarato che nonostante Tesla abbia venduto BTC, l’azienda è “certamente aperta ad aumentare le nostre partecipazioni in bitcoin in futuro” e non ha venduto nessuno dei suoi dogecoin. Tuttavia, alla domanda sul potenziale del bitcoin come copertura contro l’inflazione, Musk ha risposto che l’obiettivo principale di Tesla è quello di accelerare la transizione verso le energie rinnovabili, definendo il bitcoin “un aspetto secondario di uno spettacolo secondario”.

Auto veloci, profitti veloci

Nel primo trimestre del 2021, Tesla ha acquistato bitcoin per miliardi di dollari. L’obiettivo era quello di diventare più flessibile, di diversificarsi e di ottenere un ritorno sulla liquidità. Il rendimento è stato raggiunto rapidamente: Tesla ha venduto il 10% quando il prezzo è salito. In pochi mesi ha incassato un profitto di 101 milioni di dollari. All’epoca Elon Musk disse che non si trattava di soldi, ma che voleva testare la liquidità del Bitcoin. A destra.

Diamanti morbidi

Nel maggio dello scorso anno, Musk ha dichiarato che Tesla avrebbe smesso di accettare bitcoin per le auto Tesla. L’opinione pubblica ha fatto molta pressione perché Tesla si presenta come un’azienda sostenibile e l’estrazione di bitcoin consuma molta energia. Musk ha risposto dichiarando che Tesla non venderà bitcoin, ma smetterà di accettarlo.

Una settimana dopo, Musk ha twittato che Tesla ha le mani di diamante.

error: Alert: Content is protected !!