Il Bitcoin crolla di nuovo del 9% e il mercato delle criptovalute è nel panico: Three Arrows Capital sarà il prossimo a cadere?

Ultimo aggiornamento: 17 Giugno 2022

Il fondo di investimento statunitense Three Arrows Capital potrebbe essere il prossimo gigante delle criptovalute a cadere, dopo Terra e forse Celsius. La grande differenza è che questo fondo d’investimento godeva di ampia fiducia e rispetto, non per le sue idee geniali o applicazioni blockchain, ma solo per la sua liquidità. Ed è proprio qui che le cose sembrano andare male ora.

Nel frattempo, il bitcoin è sceso del 9% nelle ultime 24 ore e il dolore sembra non avere fine. Più tardi, i nostri analisti condivideranno le loro opinioni sul mercato e sul prezzo.

Tre Arrows Capital è sufficientemente liquida?

Three Arrows Capital (3AC) non è riuscita a soddisfare le richieste di margine da parte dei suoi finanziatori, portando gli analisti e il mercato a credere che 3AC non avesse così tanta liquidità come si pensava. Il crollo del mercato delle criptovalute ha causato liquidazioni impreviste (di posizioni finanziarie, non di persone).

Fondamentalmente, 3AC è una società di investimento che investe il proprio denaro, o denaro preso in prestito, in società di criptovalute. Quindi prende in prestito criptovalute o denaro dai prestatori, ma per farlo deve depositare una garanzia. Il collaterale può essere costituito da criptovalute, ma anche da monete stabili o denaro fiat, ad esempio. Se il valore del collaterale diminuisce mentre il prestito è in corso, il collaterale deve essere reintegrato. Alcuni prestatori non si fidano di 3AC per soddisfare questi obblighi di margine a causa della liquidità insufficiente.

Gli investimenti crescono, ma non sono liquidi

Nel corso degli anni, la società di investimento ha realizzato molti investimenti fantastici. Ad esempio, è stata in grado di investire molto presto in diverse altcoin che all’epoca non avevano ancora valore, ma che nella maggior parte dei casi sono salite di 100 volte e addirittura di 1000 volte. Il problema è che molte di queste monete e investimenti sono vincolati per lunghi periodi di tempo e quindi non possono essere venduti. Il valore di queste monete è enorme, ma sono poco utili se non sono liquide.

Ciò significa che se 3AC ha bisogno di depositare denaro per aumentare le garanzie dei suoi prestiti, non può farlo con i suoi investimenti. Ecco perché BlockFi ha liquidato le posizioni di 3AC, il fondo di investimento semplicemente non è riuscito a ottenere liquidità.

Che BlockFi abbia chiuso la posizione di 3AC?

Il prestatore di denaro crittografico BlockFi è una delle società che, secondo il Financial Times, ha liquidato almeno alcune delle posizioni di 3AC. Il giornale ha utilizzato fonti anonime, ma l’informazione è stata in qualche modo confermata da Zac Prince, il direttore di BlockFi. Un po’ perché non ha nominato direttamente 3AC, ma tutti sanno di quale società si tratta.

3AC aveva preso in prestito bitcoin da BlockFi, ma non è stata in grado di soddisfare una richiesta di margine dopo il crollo del prezzo del bitcoin di questa settimana.

Finblox nei guai

I problemi relativi a 3AC sembrano aver colpito anche Finblox, una piattaforma con sede a Hong Kong che consente agli investitori di ottenere rendimenti sui loro asset digitali. Finblox ha dichiarato giovedì di essere stata costretta ad abbassare i limiti di prelievo a causa delle preoccupazioni legate all’attività.

Molti investimenti, molti rischi

Anche se le stime variano, 3AC ha probabilmente subito liquidazioni per 400 milioni di dollari in diverse posizioni. 3AC è una delle maggiori società di investimento nel settore delle criptovalute. Ha investito in progetti blockchain come Bitcoin ed Ethereum e ha investito in piattaforme DeFi come Aave e Balancer. Ha anche investito nel gioco NFT Axie Infinity.

L’azienda aveva anche un’esposizione significativa a Terra e aveva anche grandi posizioni in progetti come Solana e Avalanche. A un certo punto la sua posizione in Terra valeva mezzo miliardo di dollari, ma poiché queste monete sono bloccate e quindi non possono essere vendute, 3AC ha potuto solo osservare con rammarico il crollo del valore a 670 dollari.

Con così tanti soci, non è ancora chiaro quali altre società siano state coinvolte nella liquidazione di 3AC. Nessun’altra società, oltre alle due società di prestito, ha confermato il proprio coinvolgimento.

La società rimane a galla

Nonostante le speculazioni sul rischio di bancarotta di Three Arrows Capital in seguito alle massicce liquidazioni, la società afferma che rimarrà a galla.

Su Zhu, uno dei fondatori dell’azienda, ha condiviso questa settimana su Twitter un ampio thread. Ha dichiarato che 3AC sta “comunicando con le parti interessate e si sta impegnando al massimo per risolvere la situazione”.

Author

error: Alert: Content is protected !!