Il Bitcoin non ha ancora toccato il fondo, dice il gestore del fondo Mobius Capital Partners

Ultimo aggiornamento: 27 Giugno 2022

Mark Mobius, co-fondatore di Mobius Capital Partners, sostiene che il prezzo del Bitcoin non ha ancora toccato il fondo durante questa prolungata tendenza al ribasso.

Le azioni seguono il bitcoin

Secondo un nuovo articolo di Bloomberg, l’investitore sostiene che gli asset digitali fungono da indicatore del sentiment degli investitori e tendono a correlarsi con le azioni. Tuttavia, il suo pensiero contraddice la maggioranza degli investitori. Infatti, molti pensano che il Bitcoin segua l’andamento dei mercati azionari, ma Mobius ha intrapreso un percorso di pensiero inverso.

“Le criptovalute sono una misura del sentiment degli investitori. Se il Bitcoin scende, il giorno dopo il Dow Jones scende. Questo è lo schema che si ottiene. Questo dimostra che il Bitcoin è un indicatore anticipatore”.

Comprare al ribasso

Mobius afferma inoltre che il momento giusto per comprare azioni è quando il sentiment degli investitori è basso, dopo che sia gli investitori istituzionali che quelli al dettaglio hanno subito forti perdite e stanno “gettando la spugna”. In altre parole, comprare al ribasso.

Il ribasso viene dai bitcoiners

Mobius elogia anche il comportamento dei bitcoiners, ma ritiene che anche loro siano responsabili di ulteriori ribassi.

“Finché i trader parlano ancora di comprare sui ribassi, significa che c’è un senso di speranza. Significa anche che non abbiamo ancora toccato il fondo di un mercato orso”.

Il Bitcoin scenderà a 10.000 dollari?

Mobius aveva previsto il mese scorso che il bitcoin sarebbe potuto scendere fino a 20 mila dollari, ci sarebbe stata una breve ripresa prima che il prezzo potesse arrivare a 10 mila dollari.

Finora, le prime due parti si sono avverate. Il Bitcoin è ora scambiato intorno ai 20 mila dollari e ha rimbalzato leggermente. Ora speriamo che l’ultima parte non diventi realtà.

La scorsa settimana Moody è stato ospite della CNBC per parlare della correlazione tra il mercato azionario e il bitcoin. Con grande stupore dell’intervistatore, l’investitore ha dichiarato che il Bitcoin è un indicatore anticipatore e che le azioni ne seguono i movimenti poco dopo.

Correlazione tra azioni e bitcoin

Dal 2009 alla fine del 2010, la mancanza di correlazione del Bitcoin con l’economia generale si è rivelata una benedizione. Ha rappresentato un rifugio per gli investitori interessati a una classe di attività indipendente dalle turbolenze dei mercati azionari. All’epoca, i mercati non si erano ancora ripresi dal crollo causato dalla crisi dei mutui.

Nel corso degli anni, sempre più investitori istituzionali e consumatori si sono avvicinati al bitcoin. Questo ha fatto sì che dal 2017 ci sia una correlazione tra le azioni e le criptovalute.

Author

error: Alert: Content is protected !!