Il Bitcoin può diventare una valuta globale, tra Miami, New York e il Nord Dakota

Ultimo aggiornamento: 6 Giugno 2022

Il sindaco di Miami è stato uno dei partecipanti al World Economic Forum di quest’anno a Davos, in Svizzera. Per lui il ruolo di evangelizzatore è quello di insegnare il Bitcoin agli altri partecipanti. Inoltre, in questo articolo non ci occupiamo solo di Miami, ma anche degli stati americani di New York e del North Dakota.

Il sindaco di Miami Francis Suarez è stato intervistato da CoinTelegraph sul suo ruolo al WEF 2022.

Bitcoin cambierà molte vite

Ha spiegato che sta cercando di far capire alle persone che questa tecnologia influenzerà “la vita di molti”. Suarez ha anche parlato del potenziale del bitcoin come valuta globale. Il sindaco ha sottolineato che il Bitcoin ha diverse opportunità per democratizzare e persino sconvolgere alcuni regimi. “Il Bitcoin crea fiducia ed è su questo che dovrebbero basarsi i sistemi valutari”, ha affermato.

La fiducia a cui si riferisce non riguarda il prezzo del Bitcoin, ma il fatto che la rete raggiunga il consenso sulle transazioni e sui saldi, senza che una terza parte centrale abbia alcun controllo su di essa. Questo non è il caso del nostro attuale sistema fiat. Un esempio è il sistema globale SWIFT.

Nessuno SWIFT tra cinque anni

Ci sono alcune superpotenze che possono decidere di escludere interi paesi da questa rete di pagamento internazionale. L’Iran, ad esempio, non ha più accesso e per i russi è praticamente impossibile effettuare transazioni internazionali.

Suarez pensa che SWIFT potrebbe cessare di esistere entro cinque anni, condividendo la stessa opinione di Michael Miebach, il CEO della società di carte di credito Mastercard. Per questo motivo, il sindaco ritiene importante che le grandi società di pagamento come Mastercard si impegnino nelle criptovalute.

Abbiamo appena parlato del bitcoin come valuta globale. Questo è possibile grazie ai nodi che raggiungono il consenso e ai minatori che mantengono la rete sicura. L’attività di mining è stata criticata da più parti perché ad alta intensità energetica e quindi dannosa per l’ambiente.

New York vieta il mining di bitcoin

Nello stato di New York è stata approvata una legge che proibisce il mining proof-of-work per i prossimi due anni, a condizione che si basi su fonti di energia non sostenibili. Si tratta di un vero e proprio divieto di mining di bitcoin. La legge deve solo essere approvata o disapprovata da Kathy Hochuk, il governatore dello stato.

Gli ambientalisti lodano questa nuova legge perché dovrebbe ridurre le emissioni di C02, ma l’industria delle criptovalute ritiene che New York si stia dando la zappa sui piedi.

“Se verrà firmata, questa legge avrà un effetto raggelante sull’estrazione delle criptovalute nello stato e minaccia di inviare centinaia di posti di lavoro ben retribuiti negli stati vicini”, ha dichiarato Kristin Smith, del gruppo di pressione Blockchain Association. “Soprattutto, mette New York nella posizione unica di essere l’unico stato a imporre una moratoria in un momento in cui altri stati stanno studiando il settore o accogliendo attivamente lo sviluppo economico che esso crea”.

Il Nord Dakota accoglie il mining di bitcoin

Uno di questi altri stati è il Nord Dakota. Bitzera è un’azienda che si occupa di mining di bitcoin e ha annunciato, insieme ai politici locali, che la sua sede centrale si trasferirà in Nord Dakota. Questo dovrebbe creare 20 posti di lavoro a tempo pieno. Un dettaglio importante è che Bitzero si presenta come una “società di mining di Bitcoin al 100% rinnovabile, guidata da fonti di energia verde, innovazione dirompente e tecnologia”.

La notizia è stata annunciata il 1° giugno con un comunicato stampa congiunto di Bitzero e del governatore del North Dakota.

L’amministratore delegato di Bitzero ha spiegato i piani dell’azienda in modo più dettagliato, affermando che è prevista la costruzione di 200 megawatt di data center nello stato nei prossimi due o tre anni “con l’obiettivo specifico di soddisfare le esigenze di dati dello stato”.

Per finanziare i centri dati verranno investiti fino a 500 milioni di dollari. Inoltre, l’azienda investirà fino a 500 milioni di dollari per portare in Nord Dakota un progetto sulla tecnologia delle batterie al grafene.

Author

  • Steven Gray is a journalist with a heart for crypto. He filters the wide range of news and ensures that it reaches the public in a comprehensible way. He often does this with the support of technical analysis.

error: Alert: Content is protected !!