Il Bitcoin scende sotto i 20.000 euro, timori per il dumping di Mt.Gox

Ultimo aggiornamento: 29 Agosto 2022

La quotazione del bitcoin non è buona: il suo valore è sceso sotto i 20.000 euro. I motivi possono essere diversi e in questo articolo ne analizziamo uno: Mt.Gox sta restituendo 137.000 bitcoin ai clienti a partire da oggi. Cosa significa questo per il mercato?

Il prezzo del bitcoin torna sotto i 20.000

Nel cuore della notte, il bitcoin ha iniziato a scendere. Questo calo sembra molto drammatico nel grafico sottostante, ma in realtà il BTC è sceso dell’1% rispetto a ieri. Il prezzo attuale del bitcoin è di 19.838 euro, la prima volta dal 13 luglio che il valore è sceso sotto i 20.000 euro.

Mt.Gox e i 137.000 bitcoin

La notizia è che le vittime della borsa di criptovalute Mt.Gox violata riceveranno indietro parte dei loro bitcoin. In totale verranno restituiti 137.000 bitcoin. Il timore è che questi vengano tutti scaricati, il che potrebbe ovviamente avere un impatto negativo sul prezzo del bitcoin.

Tuttavia, questa paura è un po’ esagerata. I bitcoin non vengono distribuiti tutti insieme, ma gradualmente. Durante la richiesta di registrazione, alle vittime è stata data la possibilità di ottenere i bitcoin in anticipo, in un pagamento forfettario parziale, oppure di aspettare la fine della riabilitazione civile, quando saranno disponibili altri fondi da erogare.

Il processo di erogazione dei bitcoin potrebbe richiedere mesi

L’esborso inizierà a fine agosto, secondo la documentazione del fiduciario nominato dal tribunale Nobauaki Kobayashi.

“Dopo essersi consultato con la Corte e in conformità con il Piano di Riabilitazione, il Fiduciario della Riabilitazione intende determinare l’allocazione, ecc. Periodo di riferimento per le restrizioni a partire da circa la fine di agosto di quest’anno fino a quando tutti o parte dei rimborsi effettuati come rimborsi iniziali saranno completati per i rimborsi sicuri”, ha dichiarato Kobayashi.

Secondo l’analista di criptovalute Danny Devan, questo processo potrebbe richiedere diversi mesi e non rappresenta una minaccia immediata per il prezzo del bitcoin.

“Ci sono così tante informazioni false che circolano su Twitter, quindi chiariamo una cosa. Mt.Gox non rilascerà TUTTI i 137.000 bitcoin domani. Domani inizierà il processo di rimborso in modo che i creditori inizino a ricevere i loro bitcoin. L’intero processo richiederà mesi!”, ha twittato Devan il 27 agosto.

I bitcoin verranno scaricati?

Piuttosto che scaricare tutti i bitcoin in una volta sola e far crollare il prezzo, sembra che la discesa sia più lenta. Almeno, questo se si ipotizza che i bitcoin vengano effettivamente venduti.

In realtà, i creditori hanno attraversato diversi cicli di bitcoin, hanno visto il prezzo salire e scendere e sanno anche che il mercato delle criptovalute è ora in un mercato ribassista.

Miles Deutscher afferma che è molto probabile che i grandi fondi abbiano già rilevato i bitcoin dei creditori più piccoli. Chi vuole vendere probabilmente ha già venduto.

Mt.Gox è stato il primo grande scambio di bitcoin al mondo

Mt.Gox è stato il primo e (all’epoca) più grande exchange di bitcoin al mondo. Mt.Gox ha aperto nel luglio 2010 ed è stato rilevato da Mark Karpeles nel 2011.

Tuttavia, le cose non andarono bene sotto la sua guida. Nel 2011, l’exchange subì un hack che causò la perdita di una grande quantità di bitcoin. Negli anni successivi, i bitcoin sono stati gradualmente rubati dai portafogli dell’exchange. In totale sono andati persi 850.000 bitcoin.

Nel 2014, Mt. Gox ha annunciato la sua bancarotta e i creditori sembrano ora poter essere finalmente pagati.

error: Alert: Content is protected !!