Il commissario della SEC non vuole più negare categoricamente gli ETF sulle criptovalute

Ultimo aggiornamento: 18 Giugno 2022

Il mercato delle criptovalute potrebbe ricevere un raggio di speranza dopo molte settimane tristi. Un commissario della SEC ha un atteggiamento positivo nei confronti degli Exchange Traded Fund (ETF) sulle criptovalute. Si tratta di un fondo che ti permette di investire in criptovalute.

Che cos’è un ETF?

Un ETF può essere di due tipi diversi: un ETF spot e un ETF futures. Con quest’ultimo – l’ETF a termine – acquisti indirettamente dei contratti che seguono il prezzo di una determinata criptovaluta. Negli Stati Uniti questo è legale dallo scorso anno. In questo modo, le persone possono investire in criptovalute in modo indiretto.

Il problema di questi ETF futures è che non acquistano criptovalute, ma contratti. Molti vorrebbero che la situazione fosse diversa, perché in questo modo non si acquistano monete. Una soluzione a questo problema è quindi un ETF spot. Come suggerisce il nome, si acquistano criptovalute sul posto.

Smettere di rifiutare

Ciò significa che il fondo ha come valore sottostante delle criptovalute reali. Secondo molti, questo è un modo migliore e lo pensa anche il commissario Hester M. Peirce della Securities and Exchange Commission statunitense. Ha chiesto di “fermare il rifiuto categorico dei prodotti negoziati in borsa di criptovalute a pronti”.

Questo appello era contenuto nei commenti alla conferenza del Regulatory Transparency Project sulla regolamentazione del nuovo ecosistema delle criptovalute: Necessary Regulation or Crippling Future Innovation?” pubblicata il 14 giugno.

La SEC ha rifiutato per mesi gli ETF a pronti sulle criptovalute, mentre gli ETF a termine sono autorizzati a operare. Secondo il commissario, “La resistenza della Commissione a un Exchange Traded Product di bitcoin a pronti sta diventando quasi leggendaria”.

La SEC è più dura con le criptovalute

Ogni tanto alla Peirce viene chiesto quando la SEC approverà un ETF sul bitcoin a pronti. Dice di non avere idea di come rispondere a questa domanda frequente. Dopo tutto, la SEC rifiuta un ETF dopo l’altro.

“Le ragioni di questa resistenza a un prodotto a pronti sono difficili da comprendere, se non il riconoscimento del fatto che la Commissione ha deciso di sottoporre tutto ciò che riguarda il bitcoin – e presumibilmente altri asset digitali – a uno standard più severo rispetto a quello applicato ad altri prodotti”.

Author

  • Steven Gray is a journalist with a heart for crypto. He filters the wide range of news and ensures that it reaches the public in a comprehensible way. He often does this with the support of technical analysis.

error: Alert: Content is protected !!