Il dollaro vale più dell’euro, cosa significa questo per il bitcoin?

Ultimo aggiornamento: 23 Agosto 2022

Il valore dell’euro continua a scendere e finalmente è arrivato. Secondo Google, 1 euro è sceso a un valore di 0,99 dollari. Cosa significa un dollaro più forte per il bitcoin?

Il dollaro vale più dell’euro

Per anni è stato bello essere in vacanza. Un euro stabile che si misurava facilmente con il dollaro, rendendo i viaggi generalmente facili. Per la prima volta dal 2002, il valore dell’euro è sceso al di sotto di 1 dollaro.

In questo momento, l’euro vale 0,9945 dollari, il che rende molto più costosa una vacanza negli Stati Uniti.

Diversi media concludono che ciò è dovuto alla paura di una recessione in Europa. Questo timore è dovuto, tra l’altro, all’alta inflazione e alla carenza di gas. Si fa riferimento anche agli alti tassi di interesse negli Stati Uniti.

Le azioni dell’euro salgono

Sarebbe bello se la stampante di denaro della BCE ricevesse un po’ di attenzione. Perché, diciamocelo, i tassi di interesse qui non stanno aumentando così velocemente come negli Stati Uniti, ma sono stati aggiunti molti euro.

Il grafico qui sotto mostra l’offerta di denaro M1 dell’euro, e quella curva all’inizio del 2020 è l’inizio della crisi della corona.

Quasi tutto il trading di criptovalute viene effettuato in dollari e non in euro. Pertanto, non stiamo valutando il significato della debolezza dell’euro per il bitcoin, ma piuttosto l’impatto del rafforzamento del dollaro.

Bitcoin vs forza del dollaro

Il grafico sottostante mostra in verde la forza del dollaro, in arancione il bitcoin. Per forza del dollaro (DXY) si intende il valore dell’USD rispetto a un paniere di valute internazionali, tra cui l’euro, la sterlina, il dollaro canadese, il franco svizzero e la corona svedese.

L’indice DXY aumenta quando il dollaro si rafforza. Quindi quando, ad esempio, l’euro scende rispetto al dollaro, si ottengono più euro per un dollaro. Ciò indica che è possibile acquistare di più con un dollaro in Europa.

Il dollaro si sta riprendendo dalla fine del 2021, dopo essere stato storicamente incredibilmente basso. Non è una coincidenza che il bitcoin abbia raggiunto il suo massimo storico di 69 mila dollari nel novembre 2021. All’epoca, il bitcoin sembrava la perfetta assicurazione contro l’inflazione, ma da quel momento in poi è andato in discesa.

Correlazione negativa tra bitcoin e dollaro

Esiste una correlazione inversa tra il bitcoin e il DXY. Negli ultimi anni abbiamo visto chiaramente che quando il DXY era in ribasso, il prezzo del bitcoin mostrava un movimento al rialzo. Ma è successo anche il contrario, come si è visto nell’ultimo anno.

Con l’aumento del dollaro, per gli investitori è più interessante e sicuro detenere il proprio valore in dollari piuttosto che in azioni, criptovalute e altri asset. L’unica eccezione è rappresentata dalle obbligazioni basate sul dollaro USA; gli investitori preferiscono la sicurezza di un titolo di stato americano a investimenti più rischiosi.

Puoi visualizzare questa correlazione negativa su Tradingview utilizzando l’indicatore del Coefficiente di Correlazione.

Il dollaro e il prezzo del bitcoin si muovono quindi in direzioni opposte. In particolare, il coefficiente di correlazione settimanale tra BTC e USD è sceso oggi a 0,87 sotto lo zero.

Il Bitcoin si trova in un territorio inesplorato. Nella storia del bitcoin non era mai successo che il dollaro valesse più dell’euro.

error: Alert: Content is protected !!