Il mercato dei bitcoin deve affrontare due scadenze difficili all’inizio di luglio, per BitWise e Grayscale

Ultimo aggiornamento: 11 Giugno 2022

A luglio, la SEC, l’autorità di vigilanza finanziaria statunitense, dovrà decidere se approvare o meno due ETF sul bitcoin. Dopo mesi di rinvii delle scadenze, non ci sono più ritardi e la SEC deve prendere una decisione.

BitWise e Grayscale

Entrambi gli ETF si basano sul mercato spot, il che significa che i fondi (ETF sta per exchange traded funds) devono acquistare bitcoin reali. Segnati queste scadenze sul calendario:

  • 1 luglio: BitWise bitcoin ETF
  • 6 luglio: Grayscale bitcoin ETF

Bitwise sta lavorando a un ETF sul bitcoin dal 2019. La SEC ha bloccato sul nascere questo primo tentativo, ma ora è stata presentata una nuova domanda e Matt Hougan di Bitwise è fiducioso.

“Nel settore delle criptovalute c’è la percezione che la SEC stia semplicemente dicendo di no, e i fatti dimostrano proprio questo”.

Questione di tempo per BitWise

Questa settimana Hougan ha parlato alla conferenza CoinDesk delle possibilità di un ETF sul bitcoin. Ha sottolineato che la SEC ha approvato un mercato a intervalli limitato, un ETF sui futures del bitcoin basato sull’Investment Act del 1940 e, più recentemente, due ETF sui futures del bitcoin basati sull’Investment Act del 1933.

Non si tratta di un ETF a pronti, in quanto gli ETF già approvati si basano su contratti short e long sul prezzo del BTC e quindi non hanno bisogno di acquistare direttamente bitcoin reali. Ma secondo Hougan, questa è solo una questione di tempo.

“Si tratta di una progressione che si conclude con un ETF di bitcoin a pronti. Quindi stanno davvero facendo progressi, solo che non al ritmo che la comunità delle criptovalute vorrebbe vedere. Ma è sbagliato considerarlo un rifiuto”.

David LaValle, responsabile globale degli ETF di Grayscale, è d’accordo. “Non è passato molto tempo da quando ci si chiedeva se questo sarebbe accaduto”, ha detto LaValle. “Ora si tratta chiaramente di capire quando accadrà”.

Se viene respinta, Grayscale vuole fare causa alla SEC

Se l’ETF di Grayscale venisse respinto il 6 luglio, potrebbe fare causa alla SEC. Almeno, questa è l’opinione di Eric Balchunas, analista senior di ETF presso Bloomberg.

Secondo Balchunas, è probabile che la SEC approvi la richiesta e che Verrilli, un ex dipendente dell’amministrazione Obama, svolga un ruolo fondamentale.

“L’aspetto positivo è che Grayscale sta assumendo il procuratore generale di Obama: potrebbe prepararsi a fare causa alla SEC in caso di mancata approvazione (che deve essere presentata entro il 7/6 ed è molto, molto improbabile). Prendi i popcorn”

.
L’analista stava rispondendo a un tweet di Jake Chervinsky, un avvocato che ha fatto notare che la SEC non vincerebbe una battaglia legale se Grayscale facesse causa. Secondo Chervinsky, Grayscale ha soddisfatto tutti i requisiti per l’approvazione dell’ETF spot.

“La scadenza della SEC per approvare o respingere la richiesta di conversione di GBTC in un ETF è il 6 luglio. Dovrebbe senza dubbio essere approvata. Non vedo come la SEC possa sopravvivere a un’eventuale sfida legale, soprattutto sotto la guida di Don Verrilli”.
La situazione di Grayscale è leggermente diversa da quella di Bitwise. Grayscale offre già dei fondi di criptovalute ma vuole convertirli in un ETF.

Nel suo ruolo, Verrilli sarà uno stratega senior nell’applicazione dell’ETF sul Bitcoin. Durante il suo mandato come procuratore generale degli Stati Uniti, Verrilli è stato l’avvocato principale che ha rappresentato il governo in numerosi casi della Corte Suprema.

L’amministratore delegato di Grayscale Michael Sonnenshein è pronto alla guerra con la Securities and Exchange Commission statunitense. A marzo Sonnenshein ha dichiarato a Bloomberg che Grayscale è pronta a portare la SEC in tribunale nel caso di un altro rifiuto del suo ETF di bitcoin spot.

Autorizzazione per proteggere gli investitori

Secondo Sonnenshein, non è vero che la SEC approva un ETF sui futures del bitcoin e considera troppo pericoloso un ETF sul bitcoin a pronti. Questo perché un ETF a termine è un prodotto d’investimento che non segue direttamente il prezzo delle attività sottostanti. I futures ETF sono prodotti di investimento pensati per gli investitori professionali.

L’investitore medio può essere confuso e pensare che acquistando un ETF futures sul bitcoin stia investendo nel bitcoin. Questo può lasciare una sensazione di freddezza. È proprio per questo motivo che Sonnenshein ritiene che sia nell’interesse della protezione degli investitori introdurre sul mercato un ETF sul bitcoin a pronti.

Author

error: Alert: Content is protected !!