Il Messico darà corso legale al Bitcoin? Lo farà se questa legge verrà approvata

Ultimo aggiornamento: 4 Luglio 2022

Il politico messicano Indira Kempis ha presentato una proposta di legge che prevede che il Bitcoin abbia corso legale nel paese. L’obiettivo è quello di aumentare l’inclusione finanziaria dei cittadini messicani. Tuttavia, la banca centrale messicana si oppone all’introduzione del Bitcoin nel sistema finanziario del paese.

Attualmente, gran parte della popolazione ha difficoltà ad accedere ai prodotti finanziari e alla relativa istruzione. Nell’aprile di quest’anno, durante la Bitcoin Conference di Miami, Kempis ha già annunciato di essere al lavoro su questa legislazione.

Bitcoin e peso messicano

Con questa nuova legge, il Messico potrebbe seguire le orme di El Salvador e della Repubblica Centrafricana, che hanno entrambi accettato il bitcoin come moneta legale. L’iniziativa del senatore Kempis modifica l’attuale legge monetaria, in cui solo il peso ha corso legale. La proposta afferma letteralmente (ok, non letteralmente, dato che è stata tradotta in olandese) che il Bitcoin può contribuire a migliorare l’alfabetizzazione finanziaria di molti cittadini.

“Viene riformato aggiungendo all’articolo 2 della Legge Monetaria degli Stati Uniti Messicani e recita come segue: Articolo 2 Il Bitcoin (BTC) sarà considerato una moneta legale nella Repubblica Messicana”.

Mancanza di inclusione finanziaria

La proposta afferma che il Messico ha una minore inclusione finanziaria rispetto ai paesi vicini e che i suoi cittadini hanno scarse conoscenze su come gestire le proprie finanze. Secondo la proposta, il 56% della popolazione messicana non ha ancora accesso a un conto bancario, il che significa che più di 67 milioni di persone non hanno ancora accesso agli strumenti finanziari più elementari.

Allo stesso modo, il 68% dei cittadini non ha accesso all’educazione finanziaria, lasciando la maggior parte dei messicani apparentemente incapaci di prendere decisioni informate su risparmi, mutui o su come gestire il credito.

Preferita la criptovaluta della banca centrale

Il disegno di legge proposto dal senatore Kempis, tuttavia, va contro la strada intrapresa dal governo e dalla banca centrale del Messico. A gennaio, la banca centrale ha annunciato che stava lavorando alla creazione di un peso digitale, la moneta digitale della banca centrale (CBDC). Si prevede che venga messa in circolazione entro il 2024 per aiutare i messicani a risolvere i loro problemi di inclusione finanziaria.

Victoria Rodriguez, presidente della banca centrale, ha dichiarato che la nuova moneta digitale sovrana introdurrà un maggior numero di cittadini all’attività bancaria.

“La moneta digitale mira a generare mezzi di pagamento incentrati sull’inclusione finanziaria, ad ampliare le opzioni per pagamenti veloci, sicuri, efficienti e interoperabili nell’economia e ad implementare funzionalità aggiuntive ai mezzi di pagamento (esistenti), come meccanismi di automazione, programmabilità e innovazione.”

Preferibilmente nessuna banca di Bitcoin in Messico

Inoltre, a giugno il ministro delle finanze messicano, Arturo Herrera, ha dichiarato che l’uso delle criptovalute è vietato all’interno del sistema finanziario messicano, sottolineando che è improbabile che il divieto cambi nel breve termine. La mossa è stata annunciata dopo che Ricardo Salinas Pliego, uno degli uomini più ricchi del Messico, ha dichiarato di essere al lavoro per rendere Banco Azteca la prima banca ad accettare Bitcoin nel paese.

Author

  • Steven Gray is a journalist with a heart for crypto. He filters the wide range of news and ensures that it reaches the public in a comprehensible way. He often does this with the support of technical analysis.

error: Alert: Content is protected !!