Il minerario di Bitcoin Argo Blockchain cerca di evitare il fallimento per un soffio

Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre 2022

La società di mining di Bitcoin Argo Blockchain ha fatto passi da gigante nelle trattative per la vendita di alcune delle sue attività. In questo modo si vuole migliorare la liquidità dell’azienda ed evitare la protezione dalla bancarotta.

Argo Blockchain

Argo Blockchain è quotata alla Borsa di Londra. In borsa hanno depositato un documento che attesta che la ristrutturazione dell’azienda è stata completata (quasi) con successo. Questo dovrebbe evitare loro di dover presentare un’istanza di fallimento ai sensi del Capitolo 11 negli Stati Uniti.

La scorsa settimana Argo ha accidentalmente messo online una bozza di documento in cui si affermava che la società aveva presentato istanza di protezione dalla bancarotta. Ciò ha causato la sospensione delle negoziazioni delle azioni ARBK negli Stati Uniti e nel Regno Unito la scorsa settimana.

La società chiede il ripristino della quotazione nel Regno Unito. Si aspetta che ciò avvenga “il prima possibile”. Le azioni della società mineraria sono già scese di circa il 94% lo scorso anno.

Nel frattempo, sono stati assunti alcuni consulenti legali dello studio McDermott Will & Emery LLP, oltre a consulenti finanziari del Berkeley Research Group, LLC.

Problemi di denaro

Argo sta cercando di raccogliere 25-35 milioni di dollari dalla fine di agosto. A novembre è diventato chiaro che aveva bisogno di più soldi per sopravvivere. Dopo che un accordo da 27 milioni di dollari è fallito in ottobre, la società ha avvertito che presto avrebbe potuto avere un flusso di cassa negativo.

Argo ha costruito un impianto di estrazione nel Texas occidentale al costo di 2 miliardi di dollari. La struttura ha aperto i battenti nel maggio di quest’anno e prevedeva di convertire 800 megawatt (MW) di elettricità in bitcoin attraverso 20 exahash al secondo di potenza di calcolo. Questo avrebbe reso Argo uno dei più grandi minatori del mondo.

Tuttavia, sono sorti rapidamente dei problemi. L’azienda ha dovuto far fronte a costi più elevati, mentre le entrate nel mercato del mining sono diminuite. In effetti, i margini sono diventati così esigui che è diventato molto difficile sopravvivere. Dopotutto, non aveva incluso una tariffa fissa nel suo contratto energetico nel Texas occidentale.

error: Alert: Content is protected !!