Il premio Nobel: il settore delle criptovalute è “uno schema piramidale postmoderno”

Ultimo aggiornamento: 13 Luglio 2022

Paul Krugman ritiene che sia giunto il momento di regolamentare adeguatamente il settore delle criptovalute, perché finora le società di criptovalute hanno per lo più finto di essere un’industria finanziaria rispettabile.

Nient’altro che marketing

Finora l’industria delle criptovalute è stata per lo più brava nel marketing e ha sfruttato questa abilità per darsi un’immagine rispettabile, finché le cose non sono andate male. In un articolo del New York Times, l’economista Paul Krugman scrive che il settore ha mantenuto una “illusione di rispettabilità” attirando investitori e consulenti con discorsi fantasiosi.

Il pezzo del NY Times si legge come un lungo sproloquio contro l’industria delle criptovalute che si conclude con una dichiarazione di sostegno a un funzionario della Federal Reserve che sostiene che il crollo dei mercati delle criptovalute dovrebbe essere usato come un’opportunità per regolamentare rigorosamente il settore.

Venmo come esempio

Krugman ritiene che le società di criptovalute stiano cercando di acquistare credibilità utilizzando personaggi noti per le pubblicità e assumendo persone con una buona reputazione nel settore finanziario tradizionale come consulenti per le loro società.

Come esempio, il premio Nobel cita Venmo, il servizio di pagamento statunitense simile a Tikkie, che ha anche iniziato a offrire criptovalute invitando gli utenti a iniziare il loro “viaggio in cripto”.

“Non credo che ci sia stata corruzione”, esordisce Krugman in modo un po’ suggestivo. “Tuttavia c’erano e ci sono chiaramente ricompense monetarie. Non so quanto Venmo guadagni dalle persone che comprano e vendono cripto attraverso la sua piattaforma, ma di certo non offre il servizio per beneficenza”, scrive.

La criptovaluta è uno schema piramidale

L’obiezione principale di Paul Krugman è che l’immagine costruita di un nuovo ramo rispettabile dell’industria finanziaria non può essere all’altezza.

“A mio avviso, la criptovaluta è degenerata in una sorta di schema piramidale postmoderno. Il settore ha attirato gli investitori con una combinazione di linguaggio tecnologico e sciocchezze libertarie; ha usato parte del denaro per comprare un’illusione di rispettabilità, che ha attirato ancora più investitori. E per un po’, anche se i rischi si sono accumulati, è diventato troppo grande per non essere regolamentato”, afferma Krugman.

Lael Brainard, vicepresidente della Fed, ha sostenuto in un discorso che il calo dei mercati delle criptovalute è un buon momento per la regolamentazione. Il crollo degli ultimi mesi rende la regolamentazione “politicamente possibile”. Krugman è d’accordo, perché in questo momento le criptovalute non rappresentano una minaccia per la stabilità dell’intero sistema finanziario.

Author

  • Ivan came across the topic of cryptocurrencies in early 2016 and, as an author and enthusiast, has been intensively involved with the topics of cryptocurrencies, blockchain and STOs ever since.

error: Alert: Content is protected !!