Il valore totale degli NFT di Bored Ape e Mutant Ape “rubati” supera i 18 milioni di euro

Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2022

La particolarità delle criptovalute è che puoi tenerle completamente sotto il tuo controllo in un portafoglio indipendente. Il rovescio della medaglia è che sei responsabile della loro sicurezza, che a volte non si riesce a mantenere. Beetlejuice, tramite Dune Analytics, ha elencato la quantità di capitale che è stata alienata dagli NFT di Bored Ape e Mutant Ape e i risultati sono sconcertanti.

130 Bored Apes e 268 Mutant Apes

Secondo il cruscotto progettato da Beetlejuice su Dune Analytics, un totale di 130 Bored Apes e 268 Mutant Apes sono stati classificati come rubati. In pratica, questo significa che i proprietari degli NFT hanno contattato OpenSea per identificarli come rubati. Il valore di questi 398 NFT, agli attuali prezzi stracciati, ammonta a un totale di oltre 18 milioni di euro.

Il prezzo minimo per un NFT di Bored Ape al momento in cui scriviamo è di 92 ether, il che porta il totale dei 130 NFT a 11.960 ether. Le scimmie mutanti hanno un prezzo minimo di 18 ether, il che significa che con i 268 NFT sono stati rubati in totale 4.824 ether. Questo corrisponde a un valore di 16.784 Ethereum. Nota bene: questo riguarda solo le collezioni Bored Ape e Mutant Ape.

Tuttavia, le collezioni Bored Ape e Mutant Ape non sono le uniche in cui sono stati rubati token per importi elevati. Sono spariti anche 153 Azuki NFT, 202 token CloneX e 70 Moonbird. Ai prezzi stracciati di oggi, questo aggiunge altri 6,76 milioni di euro di beni rubati al totale. Ciò significa che quasi 25 milioni di euro di NFT sono stati rubati dalla metà delle 10 principali collezioni di OpenSea.

La politica di OpenSea

OpenSea è il più grande mercato di NFT al mondo e ha una politica di congelamento dei token rubati sulla piattaforma. Ciò significa che possono ancora passare di mano sulla blockchain, ma OpenSea non riconosce più tale proprietà. Alcuni commercianti, come il popolare collezionista di Bored Ape “Franklin”, sottolineano che è ancora possibile utilizzare altri mercati come LooksRare.

Questo problema mette in luce anche le carenze degli NFT. Molti utenti non sono in grado di gestire autonomamente la sicurezza dei loro portafogli. Ciò fa sorgere la domanda se in alcuni casi non sarebbe meglio che gli NFT venissero scambiati su una piattaforma centralizzata. Dopo tutto, qual è il valore aggiunto della decentralizzazione in questo tipo di progetto? In linea di principio, anche Meta o Twitter sarebbero soggetti affidabili per gestire gli NFT.

Abuso della politica di OpenSea

Un’altra critica alla politica e al potere di OpenSea è che alla fine è difficile determinare se un NFT è stato effettivamente rubato. In teoria, puoi vendere il tuo NFT e poi dire a OpenSea che l’immagine è stata rubata. Franklin ha persino scritto un intero piano per questo su Twitter.

In ogni caso, è chiaro che gli NFT sono un fenomeno relativamente nuovo, per il quale molte cose devono ancora essere risolte. Questo non è sorprendente di per sé, perché con l’ascesa del bitcoin ci sono stati anche molti problemi con gli exchange di cui non ci si poteva fidare. Basti pensare al crollo di Mt Gox, ad esempio, dove i creditori stanno recuperando solo una parte dei loro bitcoin dopo otto anni.

Author

  • Steven Gray is a journalist with a heart for crypto. He filters the wide range of news and ensures that it reaches the public in a comprehensible way. He often does this with the support of technical analysis.

error: Alert: Content is protected !!