Irruzione nell’ufficio della banca di criptovalute Nexo in Bulgaria

Ultimo aggiornamento: 13 Gennaio 2023

L’ufficio del prestatore Nexo in Bulgaria è stato perquisito dalle autorità locali giovedì. Il motivo è una lunga lista di sospetti, tra cui quelli di riciclaggio di denaro, violazione delle norme fiscali, frode informatica e attività bancaria non autorizzata.

Tabella dei contenuti mostra

Raid a Nexo

L’irruzione fa parte di un’operazione che coinvolge 300 membri delle agenzie governative, ci ha detto Siika Mileva. Siika Mileva è la portavoce dell’ufficio del pubblico ministero bulgaro.

Mileva non ha confermato se siano stati effettuati arresti durante il raid.

Le autorità bulgare hanno affermato che la banca di criptovalute operava attraverso numerose entità commerciali registrate. La maggior parte di queste sembravano essere caselle postali o società di comodo. Hanno aggiunto che uno dei clienti di Nexo avrebbe finanziato attività terroristiche.

Nexo ha poi risposto alle accuse:

“Sfortunatamente, con il recente giro di vite normativo sulle criptovalute, alcune autorità di regolamentazione hanno recentemente adottato l’approccio ‘prima i calci, poi le domande'”. Nei Paesi corrotti, questo rasenta l’estorsione, ma anche questo passerà”.

“Collaboriamo sempre con le autorità e i regolatori competenti”.

È importante notare che l’indagine è ancora in corso e che queste sono le prime notizie, che senza dubbio si evolveranno nel tempo.

Il raid arriva un mese dopo che il prestatore di criptovalute si è ritirato dal mercato statunitense. Il motivo, ironia della sorte, era proprio la mancanza di chiarezza normativa.

Anche Nexo è ancora in corsa per rilevare Vauld, ma i conflitti di interesse e i problemi di comunicazione stanno mettendo a soqquadro questo caso.

error: Alert: Content is protected !!