La borsa criptovaluta Binance sembra prepararsi alla registrazione della DNB con ulteriori verifiche

Ultimo aggiornamento: 9 Agosto 2022

Ieri la borsa di criptovalute Binance ha informato molti clienti (olandesi) di regole di verifica più severe.

Verifiche supplementari

La borsa si trova in una zona grigia per quanto riguarda la regolamentazione sin dalla sua nascita nel 2017. Poiché la borsa è cresciuta rapidamente e sta addirittura pensando a un’IPO, deve rispettare sempre più regole.

Per questo motivo Binance chiede ad alcuni dei suoi clienti (olandesi) di sottoporsi a un processo di verifica.

“La stragrande maggioranza dei vostri colleghi binanciani ha già verificato completamente i propri conti per conformarsi a queste nuove normative. Sappiamo che avete già completato la prima parte di questo processo di verifica e che ora dovete solo completare l’ultima parte. Come segno di apprezzamento per il suo tempo, abbiamo pronto per lei un buono cashback da 10 BUSD”.

L’e-mail assomiglia molto a un messaggio di spam o di phishing, ma se si accede all’exchange si vedrà anche questo messaggio (come olandese).

KYC aggiuntivo

L’e-mail afferma inoltre che:

“Si prega di seguire i passi aggiuntivi per la verifica dell’identità e dell’indirizzo! Tenete pronti il passaporto (o la carta d’identità) e il vostro sorriso. Il processo è facile e veloce e richiede solo pochi minuti”.

Se l’utente non avrà completato la verifica entro venerdì 7 ottobre 2022, sarà bloccato dai servizi di Binance. Non sarà quindi più possibile accedere alla piattaforma per effettuare depositi, prelievi e trading. Ci sono alcune regole aggiuntive:

  • Se non verificate il vostro conto entro 10 giorni, non sarete più in grado di depositarvi denaro.
  • La vostra carta Binance non sarà più utilizzabile entro 20 giorni.
  • Dopo 60 giorni il conto potrà essere utilizzato solo per i prelievi.

Come spiegazione per le regole, Binance dà la colpa all’AMLD5, le direttive antiriciclaggio dell’Unione Europea.

La DNB, il regolatore olandese del mercato delle criptovalute, ha recentemente emesso una multa di 3 milioni di euro nei confronti dell’exchange. Essi avrebbero offerto i loro servizi agli olandesi senza registrazione. Forse questo ha svegliato la società CZ, motivo per cui sono state adottate queste misure di verifica.

error: Alert: Content is protected !!