La Borsa di Mosca pensa di offrire il trading di bitcoin

Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2022

La Borsa di Mosca avrebbe intenzione di lanciare presto una propria piattaforma di trading di criptovalute. È quanto afferma il direttore del Comitato per i mercati finanziari della Duma di Stato, la camera bassa del parlamento russo.

Il trading di bitcoin

Anatoly Aksakov spiega che:

“Naturalmente dovrebbe esserci una borsa delle criptovalute, istituita secondo i rigidi requisiti della banca centrale. Potrebbe essere una divisione della Borsa di Mosca, una divisione che lavora all’interno di un’organizzazione di indubbio rispetto, con grandi tradizioni, abituata a interagire attivamente con la banca centrale”.

In precedenza, Alexei Moiseev, vice ministro delle Finanze, ha dichiarato che il suo ministero e la Banca centrale stileranno una lista di borse di trading nel prossimo futuro.

Non è una novità che la Borsa di Mosca accenni al trading di criptovalute. Lo ha fatto per la prima volta nel 2018. All’epoca si trattava di offrire la possibilità di negoziare futures sui bitcoin, ma la banca centrale del Paese ha respinto la proposta.

Cambiamento di linguaggio

Nel frattempo, molte cose sono cambiate. La Russia è stata colpita da sanzioni a causa della guerra in Ucraina, e da ogni parte inizia a risuonare l’idea che il bitcoin debba essere legale e regolamentato. Anche la banca centrale, che per anni si è opposta con veemenza al bitcoin, sta lentamente iniziando a muoversi.

Anche la Camera bassa del Parlamento russo ha presentato una legge che proibisce alle piattaforme di criptovaluta di consentire “acquisti con criptovaluta”.

Il disegno di legge mira specificamente a porre fine all’uso di beni digitali per le transazioni nel mondo reale all’interno della Federazione Russa.

Al di fuori di questo, il bitcoin può ancora essere utilizzato per il commercio internazionale. In particolare, per la vendita di petrolio, come ci ha detto in precedenza Pavel Zavalny, presidente del Comitato per l’energia della Duma. Il ministro delle Finanze russo ha contraddetto questa affermazione: “Non c’è posto per il bitcoin nel commercio del petrolio”.

Author

  • I first came into contact with Bitcoin in 2017 - and since then, the topic of cryptocurrencies has never left me. For this reason, I have also made BTC & Co. part of my profession and write as a freelance author for crypto publications.

error: Alert: Content is protected !!