La giornata di oggi è importante per Bitcoin, i dati sull’inflazione degli Stati Uniti vengono pubblicati oggi pomeriggio

Ultimo aggiornamento: 13 Luglio 2022

Oggi gli Stati Uniti pubblicheranno i dati sull’inflazione di giugno. Batteranno di nuovo i record o saranno migliori del previsto? E quale sarà l’impatto sul mercato? In vista della pubblicazione di questi dati, il bitcoin è sceso del 2%.

L’inflazione prevista è dell’8,8

Oggi, alle 14:30 ora olandese, verranno comunicati i dati sull’inflazione negli Stati Uniti relativi al mese di giugno. Il mercato si aspetta che l’inflazione raggiunga l’8,8% e che la banca centrale aumenti l’obiettivo del tasso di interesse chiave della Fed di 75 punti base. Un punto base corrisponde allo 0,01%, quindi il tasso di interesse aumenterà dello 0,75%. Si tratterà del terzo aumento consecutivo dei tassi.

Il prezzo del bitcoin scende in vista dell’annuncio

Il grafico qui sotto è tratto dalla nostra pagina dei prezzi del bitcoin; il prezzo attuale è di 19.454 euro. Ciò significa che il valore è inferiore del 2% rispetto a 24 ore fa. Percentuali del genere scioccano molti trader di borsa e di forex, ma nel mondo delle criptovalute questo è un mercoledì normale.

Questo fine settimana sembrava che il bitcoin potesse attestarsi comodamente sopra i 20.000, ma i prezzi sembrano reagire negativamente alle dichiarazioni dell’addetta stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre sull’inflazione statunitense.

La Casa Bianca prevede un’inflazione elevata

Comunque la si guardi, l’America rimane la più grande economia e i trader di tutto il mondo tengono d’occhio tutti i dati americani. Ecco perché tutti i mercati attendono con ansia la conferenza stampa di oggi pomeriggio.

Oggi verranno pubblicati i dati sull’inflazione negli Stati Uniti relativi al mese di giugno. Questi dati sono chiamati anche indice dei prezzi al consumo (CPI). Jean-Pierre ha avvertito della possibilità che l’inflazione di giugno sia superiore a quella di maggio.

“Mercoledì avremo i nuovi dati sull’inflazione CPI e ci aspettiamo che i dati principali, compresi quelli relativi al gas e ai generi alimentari, aumentino drasticamente, soprattutto perché i prezzi del gas sono stati molto alti a giugno”, ha dichiarato durante la conferenza stampa di lunedì.

Gli economisti intervistati da Reuters si aspettano che l’indice dei prezzi al consumo (CPI) aumenti sia mese su mese che anno su anno a giugno, rispettivamente dell’1,1% e dell’8,8%.

Cosa significa questo per il bitcoin?

Diamo un’occhiata ai precedenti annunci dei tassi di inflazione di quest’anno. Il grafico sottostante mostra gli aumenti o le diminuzioni nel giorno in cui è stato annunciato il CPI e l’effetto sul prezzo del bitcoin.

Il grafico dice molto poco senza un contesto adeguato, poiché si tratta di un sentiment. Di seguito sono riportati la data di annuncio dell’IPC, la variazione del prezzo del bitcoin e tra parentesi l’IPC effettivo rispetto alle aspettative. Le aspettative provengono tutte dalla banca centrale statunitense, mentre l’IPC effettivo proviene dal Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti.

  • 12 gennaio: +1% (CPI 7,0 vs. 7,0 previsto)
  • 10 febbraio: -2% (CPI 7,5 contro 7,2 previsto)
  • 10 marzo: -6% (CPI 7,9 contro 7,9 previsto)
  • 12 aprile: +2% (CPI 8,5 contro l’8,4 previsto)
  • 11 maggio: -7% (CPI 8,3 contro l’8,1 previsto)
  • 10 giugno: -3% (CPI: 8,6 contro 8,3 previsto)

Gli economisti ritengono che oggi verrà annunciato un CPI pari a 8,8. Questo significa che dovresti essere ribassista ora? Assolutamente no, queste sono solo le statistiche dei rapporti CPI del 2022.

Tutti e sei i mesi precedenti il CPI ha raggiunto o addirittura superato le aspettative. Ciò significa che non c’è ancora stato un rapporto CPI nel 2022 in cui il tasso di inflazione effettivo sia inferiore alla stima di consenso. Se così fosse, questi dati potrebbero sembrare un po’ meno inquietanti.

E se l’IPC fosse inferiore?

C’è la possibilità che il CPI di questo mese sia inferiore all’8,8% previsto. Tom Simons, economista di Jefferies, prevede che il CPI di giugno potrebbe non essere del tutto corretto e ciò potrebbe significare che l’inflazione prevista è più alta di quella reale. Sottolinea che molti negozi hanno segnalato bassi livelli di scorte, il che potrebbe significare in realtà prezzi più bassi.

Prevede che se i dati sull’inflazione di giugno saranno alti, potrebbe trattarsi del picco massimo e che i mercati reagiranno positivamente. Ma potrebbe anche accadere che l’inflazione sia più bassa.

“Se si scopre che l’inflazione è più bassa del previsto, anche i mercati saranno incoraggiati”, ha osservato. “In ogni caso, è in arrivo un relief rally”.

Author

error: Alert: Content is protected !!