La percentuale di transazioni illegali di criptovalute diminuisce

Ultimo aggiornamento: 15 Giugno 2022

La percentuale di transazioni illegali di criptovalute è diminuita nel 2021 e nel primo trimestre del 2022. La società di analisi blockchain CipherTrace ha pubblicato un nuovo rapporto di ricerca in cui giunge a questa conclusione positiva.

Per anni il mercato delle criptovalute è stato oggetto di molte critiche, ma di anno in anno il numero di transazioni criminali che coinvolgono bitcoin e altre criptovalute sembra diminuire. Sempre più criminali sembrano essere giunti alla conclusione che la cronologia delle transazioni pubbliche delle criptovalute non rende facile l’uscita di denaro dal sistema.

Diminuzione di circa il 77%

Complessivamente, la percentuale di transazioni criminali che hanno coinvolto le criptovalute tra il periodo 2020-2021 e il primo trimestre del 2022 è diminuita di circa il 70%. Secondo le stime di CipherTrace, nel 2020 le attività illegali rappresentavano ancora tra lo 0,62% e lo 0,65% del volume totale. Nel 2021, questa percentuale è scesa tra lo 0,10 e lo 0,15 percento.

Naturalmente, questo dato deve anche tenere conto del fatto che il volume totale è cresciuto notevolmente dal 2020 al 2021. Tuttavia, la cosa più importante è osservare le percentuali e confrontarle con il circuito finanziario tradizionale. Dal 200 a oggi, le maggiori banche del mondo hanno dovuto affrontare multe per oltre 336 miliardi di dollari (320 miliardi di euro). Si tratta di una cifra quasi pari al valore totale del mercato del bitcoin e che probabilmente non copre nemmeno tutti gli abusi.

Con la pubblicazione di queste cifre, è molto più difficile etichettare il bitcoin come uno strumento per i criminali. In fin dei conti, anche i criminali hanno bisogno di denaro fiat per fare i loro acquisti. Per comprare una casa, ad esempio, quei bitcoin devono entrare nel sistema finanziario tradizionale. Spesso i criminali si trovano nei guai mentre cercano di trovare la via d’uscita. È probabile che la popolarità delle criptovalute per le transazioni illegali diminuisca anche per questo motivo.

La crescita del settore contribuisce alla sicurezza

Secondo CipherTrace, anche l’enorme crescita che il bitcoin e il resto del settore hanno registrato negli ultimi anni contribuisce a questi numeri. Con la crescita del settore, cresce anche il controllo da parte delle autorità. In tutto il mondo, un numero sempre maggiore di regolamenti e autorità di regolamentazione sta raccogliendo informazioni sulle criptovalute. Armati di queste conoscenze, si assicurano che la criptovaluta non si trasformi in una versione moderna del Far West.

Per avere una prova di questo crescente livello di supervisione, basta guardare all’America. Non molto tempo fa, il presidente Joe Biden ha emesso un cosiddetto ordine esecutivo per indagare sulla tecnologia blockchain e sui pericoli ad essa associati. Il fatto che il Presidente degli Stati Uniti consideri l’argomento abbastanza importante da richiedere un’indagine su larga scala la dice lunga sul cambiamento di status del bitcoin e del resto del settore.

Nei Paesi Bassi, le società di criptovaluta hanno l’obbligo di registrarsi presso la Banca Centrale Olandese da qualche tempo. Per ottenere tale registrazione, le aziende devono soddisfare ogni tipo di condizione a vantaggio della sicurezza del settore. Tutte queste regole forse non sono del tutto in linea con l’idea che Satoshi Nakamoto aveva del bitcoin, ma garantiscono una diminuzione delle transazioni non autorizzate con le criptovalute.

Author

  • Steven Gray is a journalist with a heart for crypto. He filters the wide range of news and ensures that it reaches the public in a comprehensible way. He often does this with the support of technical analysis.

error: Alert: Content is protected !!