La Russia prende in considerazione il bitcoin e altre criptovalute per i pagamenti internazionali

Ultimo aggiornamento: 20 Giugno 2022

Il capo della banca centrale russa ha dichiarato che si sta valutando l’utilizzo del bitcoin e di altre criptovalute per i pagamenti internazionali.

Elvira Nabiullina, capo della Banca Centrale della Federazione Russa, ha recentemente partecipato al Forum Economico di San Pietroburgo (SPIEF). Qui ha discusso di come la Russia possa utilizzare il bitcoin e altre criptovalute per il commercio internazionale, come riporta Kommersant.

Bitcoin per le transazioni internazionali

“La nostra posizione è che le criptovalute non dovrebbero essere utilizzate come unità di conto in Russia… Per quanto riguarda l’uso nelle transazioni internazionali, se non penetra nel sistema finanziario russo, è possibile”, ha detto Nabiullina all’evento.

Per unità di conto, intende dire che i prezzi dei prodotti nei negozi non possono essere espressi, ad esempio, in sats, ma in rublo russo.

Alternativa a SWIFT

Diverse banche russe sono scollegate da SWIFT, il sistema di pagamento internazionale dominante. La Russia potrebbe costruire un’alternativa a questo sistema o utilizzare un’altra rete di pagamento. Una di queste reti di pagamento è il Bitcoin, che ha il vantaggio (o lo svantaggio, a seconda di chi lo chiede) di essere completamente a prova di censura.

Bitcoin significa libertà

A prova di censura significa che chiunque può effettuare transazioni inalterabili e affidabili senza il consenso di terzi. Politici, aziende o banche possono fare quello che vogliono, ma non possono impedirti di inviare bitcoin al tuo amico in Russia o a tuo cugino in Iran. Né possono, ad esempio, impedire alle persone comuni in Venezuela, dove l’inflazione è ai massimi storici, di avere bitcoin e di usarli per fare acquisti.

Questa resistenza alla censura significa libertà, ma purtroppo (ma anche un po’ logicamente) i politici e le banche vedono questa libertà come una minaccia ai loro scopi. Ad esempio, nei Paesi Bassi, quando acquisti bitcoin devi dimostrare che lo stai inviando a un tuo portafoglio. Si tratta, ovviamente, di un mucchio di sciocchezze, dato che puoi inviare questi BTC a chiunque nel mondo.

A prescindere da queste restrizioni, il bitcoin è senza confini e può ancora facilitare le transazioni che aggirano le restrizioni centralizzate. L’idea che nessun paese, azienda o terza parte abbia il potere di determinare chi può effettuare transazioni o immagazzinare ricchezza attraverso il bitcoin è una delle proposte di valore chiave della criptovaluta.

Nemmeno la dogana può fermare il bitcoin

Quasi tutte le criptovalute possono essere utilizzate per i pagamenti internazionali, ma il bitcoin è il più grande esempio al mondo di rete a prova di censura. Nessuno può bloccare bitcoin perché gira su migliaia di computer in tutto il mondo. Nessuno può impedirti di inviare Bitcoin a un altro indirizzo, a patto che tu abbia una connessione a internet e sappia come creare il tuo portafoglio. E nemmeno la dogana può impedirti di portare 1 miliardo di euro di bitcoin in un altro paese. Tutto ciò che ti serve è un pezzo di carta con 12 o 24 parole.

Putin contraddice la banca centrale

Tornando allo SPIEF, prima che Nabiullina facesse questi commenti, anche il vicepresidente della banca centrale, Ksenia Yudaeva, aveva detto che la Russia non ha alcuna obiezione ai pagamenti in bitcoin “nelle transazioni internazionali e nelle infrastrutture finanziarie internazionali”.

Che differenza rispetto all’inizio dell’anno. Prima della guerra, la banca centrale aveva proposto di vietare il mining e il trading di criptovalute. In seguito a questo annuncio, il presidente russo Vladimir Putin ha contestato apertamente l’opinione della banca centrale, secondo la quale il paese avrebbe un “vantaggio competitivo” nel settore del mining, chiedendo di riconsiderare la questione.

In risposta alla richiesta di riconsiderazione di Putin, il governo russo ha presentato una proposta di legge per regolamentare il bitcoin e il più ampio ecosistema delle criptovalute. Nello stesso mese, il Ministero delle Finanze ha pubblicato una versione modificata del disegno di legge per regolamentare adeguatamente l’ecosistema.

Author

  • Steven Gray is a journalist with a heart for crypto. He filters the wide range of news and ensures that it reaches the public in a comprehensible way. He often does this with the support of technical analysis.

error: Alert: Content is protected !!