La SEC statunitense respinge l’ETF sul bitcoin a zero emissioni di carbonio

Ultimo aggiornamento: 1 Giugno 2022

La Securities and Exchange Commission statunitense (SEC) ha nuovamente respinto la richiesta di un ETF di bitcoin spot. Questa volta si tratta dell’ETF in bitcoin spot neutrale rispetto alle emissioni di CO2 di One River. L’americana One River è un fondo di gestione patrimoniale con un focus sulle criptovalute.

La “manipolazione del mercato” troppo grande

Non si tratta certo di una piccola realtà del mercato, visto che ha in gestione per i clienti un totale di 2,1 miliardi di dollari (1,995 miliardi di euro). Ma non solo: nel 2017 ha addirittura superato i 3 miliardi di euro di asset in bilancio.

One River aveva in programma di quotare il Carbon Neutral Bitcoin Trust alla Borsa di New York Arca. Questa operazione non avrà luogo, perché la SEC ritiene che il rischio di manipolazione del mercato e di frode sia ancora troppo elevato sul mercato a pronti dei bitcoin. La SEC dichiara di aver applicato gli stessi standard delle precedenti richieste. Un fiume ha proposto un’altra modifica alle regole, secondo il documento della SEC citato in precedenza, ma l’organismo di regolamentazione non l’ha accettata.

Il rifiuto non dice nulla sul valore dei bitcoin

Nel documento informativo sulla decisione, la SEC ha anche chiarito che il rifiuto dell’ETF sul bitcoin spot non dice nulla sulla posizione del regolatore sul valore del bitcoin. “Il rifiuto della proposta di modifica delle regole non si basa sulla risposta alla domanda se il bitcoin o la tecnologia blockchain rappresentino un valore come innovazione o asset”, ha chiarito la SEC nel comunicato.

Con il rifiuto, One River si unisce a una lunga serie di altri gestori di fondi che hanno cercato di commercializzare un ETF sul bitcoin a pronti negli Stati Uniti. I primi a cercare di portare un ETF di bitcoin a pronti sul mercato statunitense sono stati i fratelli Winklevoss. Nel 2013, hanno presentato una richiesta alla SEC per consentire l’ingresso di un ETF di bitcoin a pronti nei mercati. A distanza di quasi 10 anni, i progressi in questo campo sono stati scarsi o nulli.

La lista si allunga

Il rifiuto dell’ETF di bitcoin a pronti di One River lo inserisce in un elenco che comprende New York Digital Investment Group (NYDIG), SkyBridge, Global X, Fidelity Investments e molti altri importanti operatori. Nella maggior parte dei casi, la SEC ha indicato come motivo del rifiuto il presunto alto rischio di manipolazione e frode nel mercato.

In aprile è stata respinta anche la domanda del duo Ark Investment Management e 21Shares. Secondo la SEC, il prodotto di investimento non soddisfaceva i requisiti minimi di protezione degli investitori. Il mese scorso sembrava che le cose si stessero muovendo dopo che Grayscale, che sta cercando di introdurre sul mercato un ETF di bitcoin spot dal 2017, ha incontrato la SEC in merito alla sua domanda. Secondo i rappresentanti di Grayscale, si è trattato di una conversazione proficua.

L’obiettivo di Grayscale è trasformare il Grayscale Bitcoin Trust in un ETF di bitcoin spot. Il fondo di Grayscale ha attualmente in gestione oltre 600.000 bitcoin per i propri clienti. La scadenza per la presentazione delle domande di ammissione di Grayscale è il 6 luglio di quest’anno.

Author

error: Alert: Content is protected !!