Le perdite dei possessori di bitcoin a lungo termine sono le più elevate degli ultimi due anni

Ultimo aggiornamento: 7 Giugno 2022

I possessori di bitcoin a lungo termine stanno iniziando a registrare perdite simili a quelle dell’ultimo mercato orso. Tuttavia, gli analisti di Glassnode prevedono che per il momento il mercato resterà in sofferenza e potrebbe addirittura peggiorare. Attualmente, i detentori di bitcoin a lungo termine, ovvero coloro che possiedono bitcoin da 155 giorni o più, stanno registrando le perdite maggiori dal marzo 2020.

Le perdite realizzate salgono alle stelle

Sulla base di una misurazione del valore dei bitcoin inviati agli exchange, Glassnode ha calcolato una perdita cumulativa realizzata di oltre lo 0,006% del capitale di mercato totale di bitcoin. Nel grafico sottostante, possiamo notare che si tratta della perdita più pesante dal marzo 2020. Il picco più profondo del grafico si è verificato intorno alla fine del 2018. In quell’occasione, le perdite accumulate raggiunsero più dello 0,015% del capitale di mercato totale del bitcoin.

Se la storia si ripete, le perdite potrebbero continuare per qualche tempo. Durante l’ultimo mercato orso tra il 2018 e il 2019, il periodo di perdite realizzate è durato un po’ più a lungo di quanto abbiamo già visto. All’epoca, questo periodo difficile per i possessori di bitcoin è durato circa 12 mesi, mentre ora siamo solo a un mese di distanza. Glassnode scrive inoltre che le perdite attuali sono simili a quelle dei precedenti mercati ribassisti, ma che dovrebbero durare più a lungo per essere davvero paragonabili.

Gli investitori istituzionali rimangono positivi

Nonostante il continuo malessere del mercato, gli investitori professionali sono positivi sul bitcoin. Questo almeno secondo l’ultimo rapporto di CoinShares, in cui i ricercatori scrivono dell’afflusso di capitali da parte degli investitori professionali nei fondi di bitcoin. Questi hanno raggiunto una cifra positiva di 100 milioni di dollari (circa 95 milioni di euro) la scorsa settimana.

L’aspetto interessante è la differenza tra i fondi bitcoin ed ethereum. Mentre i fondi di bitcoin hanno registrato un attivo di oltre 500 milioni di dollari (475 milioni di euro) nel 2022, i fratelli di Ethereum hanno finora registrato deflussi per 357 milioni di dollari (339 milioni di euro). Ciò suggerisce che il sentiment nei confronti di Ethereum è attualmente molto più basso rispetto a quello del bitcoin.

Nelle ultime 24 ore, il prezzo del bitcoin ha registrato una perdita del 5,92% e negli ultimi sette giorni una perdita dell’8,14%. Queste cifre portano il prezzo del bitcoin a 27.658 euro. Ethereum sta facendo ancora meno, con una perdita del 6,76% nelle ultime 24 ore e una perdita del 12,53% nell’ultima settimana. Attualmente Ethereum viene scambiato al prezzo di 1.645 euro.

Capitolazione imminente?

Con il continuo calo del prezzo del bitcoin, il mercato sta subendo ulteriori pressioni. Al momento in cui scriviamo, meno del 25% di tutti i bitcoin sono in attivo. Ciò significa che sono in perdita rispetto all’ultima volta che hanno cambiato portafoglio sulla blockchain. Naturalmente, questo non significa necessariamente che il proprietario sia in rosso, ma dà un’idea dello stato del mercato.

Nel grafico precedente di Glassnode, possiamo notare che una struttura simile ha preceduto ulteriori ribassi in passato. Se questo grafico di Glassnode si rivela un buon predittore del futuro del bitcoin, allora probabilmente ci aspetta un’ultima capitolazione.

Author

error: Alert: Content is protected !!