Operatore di Bitcoin ATM mandato in prigione per operazioni illegali

Ultimo aggiornamento: 30 Maggio 2021

Negli Stati Uniti, un operatore di Bitcoin ATM è stato mandato in prigione per aver eseguito operazioni illegali. È stato condannato a 2 anni di prigione. Le autorità statunitensi hanno confermato che 17 bancomat Bitcoin illegali sono stati sigillati a causa di operazioni illecite. I bancomat gestivano anche operazioni di scambio illegali con altre criptovalute.

Operatore illegale mandato in prigione

Venerdì, il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha confermato che Kais Muhammad, un residente in California, è stato mandato in prigione per aver riciclato bitcoin e contanti a criminali attraverso scambi illegali di bitcoin. Secondo il Dipartimento di Giustizia, il 37enne Kais Muhammad, che gestiva un crypto-exchange illegale, ha riciclato più di 25 milioni di dollari per i criminali attraverso i bancomat Bitcoin. Il condannato si è dichiarato colpevole nel settembre dello scorso anno. Il tribunale lo ha accusato di gestire un business illegale di criptovalute senza licenza attraverso il quale stava operando transazioni illecite. Il condannato ha accettato che il governo potesse sequestrare i suoi 17 bancomat bitcoin, 22.820 dollari in contanti, 18,4 bitcoin e 222,5 monete ethereum.

bitcoin atm scam

Kais Muhammad è stato il proprietario di Herocoin da dicembre 2014 a novembre 2019, che ha gestito sotto il moniker Superman29. La sua azienda applicava una commissione del 25%, che era molto al di sopra del prezzo di mercato. Organizzava incontri con i suoi clienti in luoghi pubblici e scambiava valuta per loro. Mentre incontrava i suoi clienti, non chiedeva a nessuno di loro la loro fonte di reddito. Infatti, in alcune occasioni, sapeva che i suoi clienti erano legati ad attività criminali. Il Dipartimento di Giustizia ha confermato che Kais Muhammad conosceva almeno uno dei suoi clienti associati ad attività illegali sul dark web. Ha anche gestito e scambiato questa valuta per i suoi clienti in Bitcoin attraverso l’uso di bancomat bitcoin.

È anche accusato di aver intenzionalmente omesso di registrare la sua società con la Rete di Valorizzazione dei Crimini Finanziari del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. Inoltre non ha adempiuto di proposito al requisito del codice antiriciclaggio. Avrebbe dovuto informare le autorità prima di fare una transazione di più di 10.000 e 2000 dollari se sospettava qualcuno dei suoi clienti. I suoi bancomat permettevano ai clienti di processare più di 3000$ senza informare le autorità fornendo l’identificazione.

È stato contattato da FinCEN nel luglio 2018, dopo di che ha registrato la sua società ma non ha soddisfatto i requisiti normativi.

Ha anche aiutato persone di persona e ha scambiato denaro per loro. Questi incontri sono stati condotti con agenti sotto copertura che hanno detto a Kais Muhammad di trattare per conto di una donna coreana che lavora in un bar Karokee per intrattenere gli uomini in vari modi, compresa l’attività sessuale.

Che messaggio trasmette questo?

Questa è precisamente la preoccupazione associata al bitcoin. La maggior parte delle persone ha già detto che bitcoin può essere usato per transazioni illegali e non è sicuro in quanto è gestito digitalmente. Tuttavia, poiché la tecnologia sta migliorando, anche queste preoccupazioni vengono affrontate per evitare inconvenienti futuri.

Author

  • Hello, my name is Luke Handt; I am a successful Bitcoin trader, financial analyst, and researcher. I have been studying the market trends for the conventional stock exchange system globally since I was in college.

error: Alert: Content is protected !!