Ospedale indiano vittima di un ransomware con criptovaluta

Ultimo aggiornamento: 29 Novembre 2022

Un’importante università medica e di ricerca indiana è stata colpita da un grave attacco ransomware.

Attacco ransomware

Lo scrive il quotidiano finanziario locale LiveMint. Gli hacker chiedono ben 200 crore (24,5 milioni di dollari) in criptovaluta.

Il problema è l’All India Institute of Medical Sciences (AIIMS), il più grande ospedale di Delhi dove i pazienti vengono indirizzati agli specialisti dopo gli esami.

Secondo il rapporto, le autorità stanno attualmente indagando sull’incidente ransomware. La polizia di Delhi lo registra come un caso di terrorismo informatico ed estorsione.

Secondo quanto riferito, l’AIIMS è uno dei migliori ospedali al mondo. Da sei giorni ha problemi con i suoi server. Gli hacker hanno avuto accesso al database della banca e hanno criptato tutti i dati.

Solo quando la banconota da un milione di dollari sarà stata toccata, permetteranno all’ospedale di accedere nuovamente ai dati. Nel frattempo, si sta cercando con tutte le forze di rimettere in funzione i server stessi. Secondo quanto riferito, ci vorranno almeno cinque giorni.

Informazioni sensibili

Sembra che al momento l’assistenza al pronto soccorso, al laboratorio, ai reparti ambulatoriali e di degenza venga prestata senza computer. I servizi vengono riavviati molto gradualmente.

Il database contiene informazioni su 40 milioni di pazienti, tra cui primi ministri e giudici.

Gli hacker scelgono spesso le criptovalute perché pensano che il denaro sia anonimo e difficile da confiscare. In pratica, le cose cambiano, poiché gli indirizzi rilevanti vengono messi sotto controllo. Le società di analisi sono in grado di tracciare i flussi di denaro, il che spesso – anche se a distanza di anni – significa che gli hacker riescono ancora a entrare in azione.

error: Alert: Content is protected !!