Ripple salirà alle stelle da sabato 16 luglio? McCaleb per allora avrà venduto i suoi ultimi XRP

Ultimo aggiornamento: 13 Luglio 2022

Jed McCaleb impiegherà otto anni, un mese e 25 giorni per vendere tutti i suoi 9 miliardi di XRP. Secondo un tweet del fondatore di XRPArcade Leonidas, McCaleb venderà il suo ultimo XRP il 16 luglio.

16 luglio ultimo giorno

McCaleb sta vendendo 4,215 milioni di XRP al giorno questa settimana. Venderà gli ultimi 22,16 milioni di XRP rimasti il 16 luglio.

Da oggi a venerdì, il portafoglio di McCaleb, chiamato “taco stand”, venderà una media di 4,22 milioni di XRP al giorno, e poi altri 1,08 milioni di token sabato, fino a raggiungere lo zero, ha dichiarato Leonidas.

Al momento in cui scriviamo, Jed Balance, un sito web che tiene traccia delle disponibilità di McCaleb in XRP, mostra che ci sono meno di 18 milioni di token XRP nel portafoglio, per un valore di circa 5 milioni al tasso di cambio Ripple attuale.

McCaleb sta sopprimendo i prezzi degli XRP?

McCaleb è uno dei fondatori di Ripple e ha ricoperto il ruolo di Chief Technology Officer. Nel maggio 2014, lui e Ripple hanno annunciato che tutti i suoi XRP sarebbero stati venduti a tappe. Ora che la fine di questa vendita obbligatoria è finalmente in vista, la comunità delle criptovalute è rimasta con delle domande.

Molti vogliono sapere a chi e come ha venduto i suoi XRP. McCaleb è anche sospettato di aver soppresso il prezzo di XRP attraverso la sua costante vendita. Leonidas non ha trovato alcuna prova di questo e nessuna correlazione tra il prezzo e le sue vendite.

Altri si chiedono perché la Securities and Exchange Commission (SEC) non lo abbia incluso nella causa contro Ripple e i suoi dirigenti per la vendita di titoli non registrati. Dopotutto, Garlinghouse e Larsen sono stati trattati dalla SEC.

Il saldo diminuisce come concordato

Jed McCaleb ha fondato Ripple Labs nel 2012, insieme all’attuale CEO Brad Garlinghouse e a Chris Larsen, che hanno ricevuto ciascuno una quota di 20 miliardi di XRP. Nel 2014, McCaleb ha lasciato l’azienda per fondare Stellar Development dopo che i suoi rapporti con gli altri due fondatori si sono inaspriti.

I dirigenti hanno acconsentito a un blocco dei nove miliardi di XRP detenuti da McCaleb, temendo che una vendita immediata avrebbe fatto crollare il prezzo delle azioni. L’accordo impediva a McCaleb, che ha fondato anche il defunto exchange di criptovalute Mount Gox, di vendere più di 10.000 dollari di XRP a settimana.

Tale importo è stato successivamente aumentato a 20.000 dollari a settimana per i tre anni fino al 2017. Negli anni successivi, il piano è stato modificato in modo da essere più proporzionale al numero totale di XRP venduti, con un limite di 1 miliardo di token negli anni 2018 e 2019, e poi di 2 miliardi all’anno negli anni successivi.

XRP ha mancato il bull run

Sebbene la costante pressione di vendita di McCaleb possa aver contribuito a impedire che il valore di XRP continuasse a salire, non è affatto l’unico fattore. Abbiamo appena accennato alla causa tra la SEC e Ripple e all’accusa che l’accompagna risalente al dicembre 2020.

Potresti aver notato qualcosa riguardo alla data appena citata. Intorno a dicembre 2020 è iniziato anche il recupero delle criptovalute. Bitcoin, Ethereum e praticamente tutte le altre criptovalute avevano raggiunto grandi vette. Sembrava che ogni settimana venissero raggiunti nuovi massimi storici.

Il prezzo di XRP, invece, ha subito un duro colpo. Subito dopo l’annuncio della causa legale, è diventato più difficile negoziare XRP perché molte borse americane hanno smesso di trattare la valuta.

Nel grafico sottostante il prezzo di Ripple alla fine del 2020. Nel giro di pochi giorni, il prezzo è crollato e XRP ha perso un terzo del suo valore.

error: Alert: Content is protected !!