Se Ripple perde la causa, la società di criptovalute dietro XRP si trasferisce all’estero

Ultimo aggiornamento: 27 Giugno 2022

La causa intentata dall’autorità di vigilanza finanziaria statunitense SEC contro la società di criptovalute Ripple va avanti da più di un anno e mezzo. Secondo il CEO Brad Garlinghouse, Ripple, con sede a San Francisco, è pronta a trasferirsi all’estero se dovesse perdere la battaglia.

Spostare la sede fuori dagli Stati Uniti

Garlinghouse ha dichiarato ad Axios, in occasione della conferenza Collision di Toronto, che la sua azienda potrebbe trasferirsi fuori dagli Stati Uniti se la causa dovesse essere persa. Ed è piuttosto sicuro di questo: “Non è che potremmo, lo faremo”.

L’XRP è una sicurezza o no?

Ripple è coinvolta in una battaglia legale con la SEC, che sostiene che la società abbia aggirato le leggi sui titoli vendendo XRP (la criptovaluta di Ripple) agli investitori. L’obiettivo è stabilire se XRP sia un titolo e debba quindi essere coperto dalla legislazione sui titoli.

Tuttavia, Ripple afferma che, sebbene si tratti di un numero enorme di token XRP, la rete utilizzata per gestire le transazioni XRP è completamente decentralizzata. XRP viene utilizzato per queste transazioni e quindi ha una funzione diversa dalle azioni. Per questo motivo, Ripple è fiduciosa che la causa si concluderà l’anno prossimo; Garlinghouse ha anche affermato che la causa sta andando “straordinariamente bene”.

Ma se Ripple dovesse perdere, continuerà a operare al di fuori degli Stati Uniti. In pratica, non cambierà molto perché da quando la SEC ha avviato l’azione legale nel dicembre 2020, la società Ripple ha già ampiamente operato al di fuori degli Stati Uniti. Ad esempio, Ripple ha recentemente aperto un ufficio a Toronto, in Canada, con oltre 150 programmatori e dipendenti.

La mancanza di una corsa al rialzo

Potresti aver notato qualcosa riguardo alla data appena citata. Intorno a dicembre 2020 è iniziato il mercato toro delle criptovalute. Bitcoin, Ethereum e quasi tutte le altre criptovalute hanno raggiunto grandi vette. Sembrava che ogni settimana venissero raggiunti nuovi massimi storici. Il prezzo di XRP, invece, ha subito un duro colpo. Subito dopo l’annuncio della causa legale, è diventato più difficile negoziare XRP perché molte borse americane hanno smesso di trattare la valuta.

Nel grafico sottostante il prezzo di Ripple alla fine del 2020. Nel giro di pochi giorni, il prezzo è crollato e XRP è rimasto con un terzo del suo valore.

Le aziende smettono di lavorare con Ripple

Non solo il prezzo di XRP ha subito un duro colpo, ma anche l’azienda Ripple ha dovuto fare molte rinunce. Diverse parti hanno smesso di lavorare con Ripple dopo che la causa è stata resa pubblica.

In teoria, la vittoria della causa stimolerà la crescita di Ripple, in quanto darà ad altre aziende statunitensi il coraggio di collaborare nuovamente. Un’uscita di scena ostacolerebbe in modo significativo la crescita complessiva dell’azienda, visto che Garlinghouse ammette che gli Stati Uniti sono l’economia più grande del mondo.

Importanza per le criptovalute

La causa non decide solo il destino di Ripple, ma è importante anche per il resto del settore delle criptovalute. Almeno, negli Stati Uniti. L’esito potrebbe costituire un precedente per il modo in cui la SEC si occuperà di altre società di criptovalute.

Author

error: Alert: Content is protected !!