Whistleblower: la criptobanca BlockFi ha subito perdite per anni

Ultimo aggiornamento: 20 Giugno 2022

BlockFi è in gravi difficoltà finanziarie a causa di una strategia di investimento molto rischiosa negli ultimi anni. Il prodotto a tasso d’interesse di BlockFi ha registrato perdite per anni e i clienti non hanno una fondo di garanzia. Come si presenta il castello di carte della società del New Jersey?

BlockFi, un castello di carte che sta crollando?

BlockFi funziona come una banca, investendo i fondi dei clienti in prodotti ad alto rischio di interesse legati a monete e protocolli cripto relativamente piccoli. I valori di mercato di queste criptovalute sono molte volte inferiori a quelli del bitcoin, il che le rende ancora più volatili e rischiose.

Il modello: si attira denaro dai clienti (retail, istituzioni) e lo si blocca in questi prodotti a rendimento. Una parte degli interessi viene versata ai clienti, mentre il resto viene tenuto per sé.

Ma i risultati operativi di BlockFi sono allarmanti: anche nel mercato toro del 2020-2021, la società non è riuscita a realizzare alcun profitto con il suo prodotto di interesse “principale”.

È il whistleblower “otteroooo” a lanciare le dovute accuse su Twitter, basandosi su un documento trapelato da BlockFi. Il documento in questione riguarda le previsioni dell’azienda per il futuro, ma contiene anche cifre per gli esercizi finanziari 2021 e 2020. Riportiamo le accuse contenute nel thread di Twitter.

https://twitter.com/otteroooo/status/1538561922282336257

In perdita

L’attività di BlockFi è in perdita e il rapporto di prestito di BlockFi è molto alto. Così riferisce l’informatore:

  • La perdita del 2020 è di 63,9 milioni di dollari e le perdite per il 2021 sono di 221,5 milioni di dollari. Notevole, perché si potrebbe pensare che in un mercato toro, in cui tutto aumenta di valore, il loro modello possa effettivamente realizzare un profitto.
  • Solo il 3,4% di tutti i cryptoasset (cioè quelli dei clienti) sono conservati in cold storage. Il valore complessivo è di 467 milioni di dollari.
  • Ma BlockFi ha ben 13.500 milioni di dollari vincolati in prodotti ad alto rischio di rendimento. Una tale distribuzione (~3% in cold storage contro il 97% di illiquidi) dei fondi è molto rischiosa.
  • Questo ha conseguenze per il cliente. Infatti, in caso di “bank run”, solo 34 dei primi 1.000 clienti saranno in grado di riavere il loro denaro se tutti i clienti volessero recuperare la loro liquidità.
  • A causa del brusco calo del prezzo del bitcoin, gran parte di questi asset sono svalutati. L’informatore sospetta che l’80% sia svalutato ai prezzi di mercato attuali. Ciò rende la BlockFi una bomba a orologeria con miliardi di dollari in attività sulle quali non ha alcun controllo.

Base clienti

Per chiarire, BlockFi ha una base di clienti diversa da quella di Celsius. Quest’ultimo si rivolge prevalentemente al mercato privato, mentre BlockFi ha una clientela mista. Circa il 70% è ancora al dettaglio (individui), ma circa il 30% è rappresentato dal mercato aziendale (istituzioni).

Si pensi a fondi di investimento professionali, hedge fund, family office e consulenti finanziari che agiscono per conto di terzi. Non è noto se servano anche entità più grandi come assicurazioni, fondi pensione e banche d’investimento.

L’informatore sospetta che a soffrire saranno i clienti al dettaglio. Nella schiera dei potenziali creditori, BlockFi cercherà di risarcire prima la cerchia dei suoi clienti e solo successivamente Henk e Ingrid. Lo stesso schema era visibile presso Luna Foundation Guard, l’entità dietro la stablecoin TerraUSD, ora implosa, e la shitcoin Luna ad essa associata.

BlockFi non ha ancora risposto ufficialmente alle accuse. Non è noto quanto i clienti abbiano depositato in media presso BlockHi, ma da questo precedente rapporto si tratterebbe di una media di 50.000 dollari.

Nessun accantonamento fondo svalutazione

Nelle previsioni trapelate, si prevede un aumento delle vendite di tre o quattro volte entro il 2023. La realtà, tuttavia, supera rapidamente queste previsioni. Il valore delle attività in criptovaluta presenti nel loro bilancio è evaporato. Dal punto di vista finanziario, le cose non si mettono bene, anche perché il loro prodotto “principale” è in perdita.

Nel 2021, BlockFi ha pagato circa 400 milioni di dollari di interessi a utenti e istituzioni che hanno prestato le loro criptovalute a BlockFi. Ma le entrate derivanti dai prodotti di interesse sono state di 313 milioni di dollari. Insomma, un buco finanziario di 87 milioni di dollari, circa 240.000 dollari al giorno.

Sempre nel 2020, 14 milioni di dollari sono stati persi con il loro “core-business”: attirare cripto e poi darle a prestito in operazioni rischio molto alto

In questo modo, sperano di ottenere un rendimento più elevato, che poi devono pagare al cliente finale. Peggio ancora, i libri contabili di BlockFi non includono una fondo di accantonamento contabile per coprire le perdite future, il cosiddetto “accantonamento per perdite su crediti” (POCL) in gergo. Questo è un aspetto negativo per i clienti esistenti.

Problema delle azioni

La BlockFi non è soggetta a un sistema di depositi come una normale banca. La società è un ombrello per tutti i tipi di società che hanno sede nei paradisi fiscali o in altri “paradisi sicuri” come le Isole Cayman, le Bermuda, Singapore, l’Inghilterra ma anche lo stato americano del Delaware, che gode di una posizione separata nella giurisdizione statunitense.

Le informazioni fornite all’autorità di vigilanza SEC rivelano una struttura societaria piuttosto complicata. Le società madri BlockFi Inc, BlockFi Holding UK Limited e BlockFi Lending LLC comprendono le seguenti entità:

  • BlockFi Asia PTE. Ltd.
  • BlockFi Cayman LLC
  • BlockFi Holding UK Limited
  • BlockFi International Ltd.
  • BlockFi Lending LLC
  • BlockFi Lending II LLC
  • BlockFi Investment Products LLC
  • BlockFi Services, Inc.
  • BlockFi Trading LLC
  • BlockFi UK Limited
  • BlockFi Ventures LLC
  • BlockFi Wallet LLC
  • BV Power Alpha LLC

Il 26 maggio di quest’anno è stata presentata alla SEC una richiesta di autorizzazione all’emissione di azioni. Tale richiesta è stata respinta nel frattempo dalla SEC, che vuole maggiori informazioni dalla società. Questo piano sembra ormai lontano nell’attuale mercato ribassista.

Nel 2021, la SEC ha comminato una multa di 100 milioni di dollari a BlockFi per il suo prodotto di tassi d’interesse mal strutturato.

Altre notizie scottanti

Anche BlockFi non può sfuggire al mercato ribassista. Il fatto che la società di Zac Prince debba risparmiare è evidente, dato che la società ha diffuso la notizia del licenziamento del 20% del personale.

Alla fine del 2021, c’è un’altra iniziativa con la richiesta di un ETF sui futures del bitcoin presso la SEC. Diversi Stati americani, tra cui il New Jersey e il Kentucky, hanno vietato il prodotto BlockFi sui tassi d’interesse, ma nonostante questi divieti, il prodotto BlockFi potrebbe ancora essere offerto e promosso ovunque.

Author

  • Ivan came across the topic of cryptocurrencies in early 2016 and, as an author and enthusiast, has been intensively involved with the topics of cryptocurrencies, blockchain and STOs ever since.

error: Alert: Content is protected !!